Formulario VG: il notaio ravvisa conflitto di interessi e nomina il curatore

formule a cura di Ciro Caccavale e Massimo Caccavale

Egregio dottor,

Notaio in …, con studio in via…, incaricato di ricevere (autenticare le sottoscrizioni degli atti di cui alla presente richiesta)

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

(ART. 12 DEL D. LGS 149/2022)

La sottoscritta:

AA  … (cognome e nome), nata a .. il giorno … residente a … via … n. … in qualità di amministratrice di sostegno e legale rappresentante del figlio, BB … (cognome e nome) nato a … il giorno … residente con la madre a … via … c..f., tale nominata con decreto del giudice tutelare presso il Tribunale di … ;

ESPONE

a) che con contratto preliminare di compravendita registrato a … il giorno … al n. … che si esibisce la sottoscritta signora AA ha promesso di acquistare dagli attuali proprietari, per sé e/o per persona da nominare, l’intera piena proprietà della consistenza immobiliare facente parte del fabbricato sito nel Comune di ,,, via … n. … e, precisamente: appartamento per civile abitazione …. posto al piano … distinto dal numero d’interno … composto da … con pertinenziale garage al piano ,,,, , nell’insieme attualmente individuata nel catasto Fabbricati di detto Comune, con i seguenti dati: …

per il complessivo prezzo di euro … versando alla parte promittente venditrice a titolo di caparra confirmatoria ex art. 1385 cod. civ.  la somma di euro … ;

b) che, con riferimento alla compravendita a stipularsi in esecuzione del predetto preliminare, AA è venuta nella determinazione di nominare, quale acquirente – oltre a sé stessa per l”usufrutto vitalizio – il proprio suindicato figlio, signor BB;

c) che, in tal caso, il saldo del prezzo dovrebbe essere pagato alla parte venditrice

c1) per euro … mediante denaro della sottoscritta AA a ricavarsi dalla vendita dell’appartamento dove essa sottoscritta ed il figlio attualmente vivono, sita in … via … che dovrà perfezionarsi entro il giorno …. in esecuzione del preliminare sottoscritto in data …  che si esibisce;

c2) per euro … mediante la somma depositata sul conto corrente n. … in essere presso la banca …  intestato al signor BB;

c3)  per euro … mediante il netto ricavo di un mutuo che essa sottoscritta AA intende stipulare con la banca a garantirsi con ipoteca sull’intera piena proprietà della consistenza ad acquistarsi;

d) che dalla perizia redatta dal geometra … di … giurata dinanzi a codesto notaio come da verbale dallo stesso ricevuto in data … rep … che, per quanto occorra si allega (doc4) risulta che il prezzo di acquisto dell’intera proprietà appare congruo ed il valore della quota di nuda proprietà da far acquistare al beneficiario di amministrazione di sostegno è superiore al predetto importo che lo stesso dovrebbe impiegare nell’acquisto;

e) che l’impiego nel ripetuto acquisto della suindicata somma di denaro del beneficiario di amministrazione di sostegno è maggiormente proficuo rispetto all’attuale giacenza sul conto corrente che, tra l’altro, comporta l’aumento degli indicatori ISEE socio – sanitario per gli interventi economici socio assistenziali con esclusione per lo stesso BB di ogni agevolazione a lui diversamente spettante nei casi in cui viene richiesto (vd. … retta centro educativo);

f) che, dunque, in considerazione di tutto quanto procede la prefigurata operazione appare utile e opportuna per BB, che si ritroverà così proprietario di un immobile dove poter vivere e del quale, finché sarà in vita la sottoscritta AA, usufruttuaria, egli non dovrà sostenere spese di gestione;

g) che il beneficiario di amministrazione di sostegno, BB, non assumerà la parte di mutuatario nel suindicato mutuo a stipularsi ma soltanto di terzo datore di ipoteca (non debitore) e che non dovrà sostenere spese per gli atti notarili che saranno pagati dalla sola signora AA, con suo denaro;

h) che, come sopra esposto, BB, al fine di acquistare la nuda proprietà, dovrà accettare, ex art 1402 comma 2, cod. civ., la nomina a suo favore da parte dell’amministratrice di sostegno e, quindi, dovrà concedere ipoteca sulla nuda proprietà della consistenza in oggetto a garanzia del debito che assumerà essa AA,

i) che la sottoscritta non ha prima d’ora presentato altra richiesta di autorizzazione ad altro notaio ovvero ricorso al competente Giudice Tutelare presso il Tribunale di …

TUTTO CIO’ PREMESSO

la sottoscritta, nella suindicata qualità

CHIEDE

che il notaio ……., incaricato di ricevere o autenticare le sottoscrizioni dei suindicati atti di acquisto (compravendita) e di mutuo ipotecario, letta la presente richiesta, constatata la propria competenza, ravvisata l’evidente utilità per il beneficiario di amministrazione di sostegno, BB,  voglia così provvedere:

– I –

  • autorizzare essa sottoscritta amministratrice di sostegno, in rappresentanza del beneficiario di amministrazione di sostegno:
  • ad acquistare la nuda proprietà, gravata da usufrutto vitalizio di essa stessa sottoscritta, ed insieme a quest’ultima l’intera piena proprietà della consistenza immobiliare sita nel Comune di  meglio descritta alla lettera a) dell’espositiva che precede e nella perizia di cui alla lettera d) delle medesima espositiva che precede, attualmente individuata nel Catasto Fabbricati di detto Comune, al … per il complessivo prezzo di euro …, da riferirsi per euro … alla quota nuda proprietà di spettanza del beneficiario di amministrazione di sostegno;
  • a pagare detto importo di competenza di quest’ultimo utilizzando il suo denaro giacente sul conto corrente, disponendo tramite bonifici a favore dei venditori ovvero mediante assegni circolari all’ordine di essi venditori, non trasferibili da consegnare in sede di stipula del definitivo atto di compravendita alla parte venditrice, il tutto con espresso esonero per la Banca da ogni responsabilità al riguardo; e, dunque, a:
  • costituirsi in esso atto di compravendita e sottoscriverlo, per atto pubblico o scrittura privata autenticata, accettando ex art. 1402 cod. civ. la suindicata nomina a suo favore per l’acquisto della ripetuta nuda proprietà; meglio descrivere i cespiti immobiliari in oggetto con gli esatti dati catastali, quali anche risultanti da eventuali denunce di variazione catastale, ubicazione, confini, consistenza, eventualmente integrando e/o correggendo quelli innanzi riportati;
  • pattuire il prezzo di vendita, nel suindicato importo, pagando ai venditori la predetta parte di spettanza del beneficiario di amministrazione di sostegno e riceverne quietanza; rinunciare a depositare il prezzo e/o altre somme presso il notaio rogante;
  • farsi garantire la buona e piena proprietà della consistenza immobiliare cui trattasi e la libertà della stessa da trascrizioni e/o iscrizioni pregiudizievoli e/o diritti di terzi in genere, pattuire in merito al possesso con espresso esonero per l’usufruttuaria, per quanto occorra dal far inventario e prestare garanzia;
  • inserire nello stipulando contratto tutte le clausole sia di natura reale sia obbligatoria utili e/o opportune, anche in ordine ad eventuali enti comuni e pertinenziali;
  • sottoscrivere tutti i documenti inerenti la stipula del contratto di compravendita;
  • rendere, ricevere e sottoscrivere, dichiarazioni, anche ai sensi del D.P.R. 445/00, ai dini sostanziali e fiscali, anche in relazione al D.P.R. 131/86, nonché alla legge 151/75 e al D.P.R. 380/01, ed altresì al D.L. n. 223/2006, convertito in L. n. 248/2006 ed alla L. n. 266/2005, nonché al D.L. n. 78/2010, convertito in L. n. 122/2010;
  • richiedere, se del caso, le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa di abitazione, ove ne ricorrano i presupposti;

nonché

-II-

  • autorizzare altresì essa sottoscritta amministratrice di sostegno, sempre in rappresentanza del beneficiario di amministrazione di sostegno, contestualmente al predetto atto di compravendita, dopo lo stesso, a costituirsi, per quanto di sua spettanza, quale terzo datore di ipoteca nel contratto di mutuo che la sottoscritta AA concluderà, in proprio, con banca …, e precisamente nel contratto di mutuo che verrà concesso fino all’importo massimo, in linea capitale di euro … per la durata e al tasso di interesse, fisso o variabile, che essa mutuataria concorderà con la Banca mutuante e che sarà garantito da iscrizione ipotecaria, per l’importo richiesto dalla Banca stessa, sull’intrea piena proprietà della ripetuta consistenza immobiliare sita nel Comune di , via …   (di spettanza del beneficiario di amministrazione di sostegno per la  nuda proprietà); e dunque
    • a costituirsi nel relativo atto di mutuo ipotecario e sottoscriverlo per atto pubblico o scrittura autenticata, accettando tutti i termini clausole e condizioni richiesti dalla Banca e sottoscrivere ogni atto e/o documento occorrenti per la concessione dell’ipoteca in oggetto;
    • concedere dunque a garanzia della restituzione del capitale mutuato, degli interessi e delle spese  tutte, insieme ad essa stessa in proprio per l’usufrutto, ipoteca sull’intera proprietà della consistenza innanzi descritta, con tutte le adiacenze, pertinenze, accensioni, eventuali nuove costruzioni, ampliamenti, enti comuni e con tutto quanto sia comunque ritenuto gravabile ai sensi di legge, con facoltà per il curatore di meglio descrivere il cespite con gli esatti dati catastali, quali anche risultanti da eventuali denunce di variazione catastale, ubicazione, confini, consistenza, eventualmente integrando e/o correggendo quelli innanzi riportati e, in relazione all’ipoteca stessa:  autorizzare l’iscrizione dell’ipoteca a richiesta di qualunque interessato, prestando le richieste garanzie; rendere dichiarazioni di qualunque genere, con ampio esonero da ogni responsabilità per i competenti uffici, nonché in ogni caso, accettare clausole e/o condizioni in ordine all’erogazione della somma e/o al suo deposito cauzionale e/o all’assicurazione del cespite concesso in ipoteca, accettare tutti i patti, clausole, condizioni e termini ritenuti utili e/o opportuni e/o richiesti dalla Banca mutuante e/o risultanti dalle Norme Generali in vigore presso la Banca, ancorché di carattere vessatorio; accettare e convenire termini iniziali e finali; accettare ogni pattuizione d’uso e/o opportuna; – accettare e sottoscrivere capitolati; eleggere domicili; rendere dichiarazioni di qualunque genere, con ampio esonero da ogni responsabilità per i competenti uffici;
  • fare, in definitiva, tutto quanto ritenuto utile per il buon fine dell’operazione in oggetto, di guisa che non si possa mai opporre difetto di rappresentanza o imprecisione di poteri.

***

Si allegano i seguenti documenti:

  1. fotocopia della carta di identità di AA;
  2. fotocopia della carta di identità di BB;
  3. decreto di apertura della procedura di amministrazione di sostegno per BB con nomina di AA quale amministratrice di sostegno;
  4. fotocopia del preliminare di compravendita di cui alla lettera a) dell’espositiva;
  5. ultimo estratto conto intestato a BB di cui alla lettera c1) dell’espositiva;
  6. preliminare di compravendita cui alla lettera c2) dell’espositiva
  7. perizia redatta dal geom… cui alla lettera d) dell’espositiva
  8. (eventuale) “bozza” atto di compravendita a stipularsi previa autorizzazione di cui alla presente richiesta;

***

Ai fini delle comunicazioni si indicano i seguenti recapiti:

telefono:

mail:

pec:

… (data)

… (firma)

Continua a leggere →

Formulario VG: nomina di curatore e contestuale autorizzazione

formule a cura di Ciro Caccavale e Massimo Caccavale


Egregio dottor

Notaio in …, con studio ivi in via…, incaricato di ricevere (autenticare le sottoscrizioni degli atti di cui alla presente richiesta)

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

(ART. 21 DEL D. LGS 149/2022)

La sottoscritta [OPPURE SE LA RICHIESTA È SOTTOSCRITTA ANCHE DAL CURATORE SPECIALE DA NOMINAREI sottoscritti signori]

  • AA  … (cognome e nome), nata a .. il giorno … residente a … via … n. … in qualità di amministratrice di sostegno e legale rappresentante del figlio, BB … (cognome e nome) nato a … il giorno … residente con la madre a … via … c..f., tale nominata con decreto del giudice tutelare presso il Tribunale di … ;

[EVENTUALMENTE, SE LA RICHIESTA È SOTTOSCRITTA ANCHE DAL CURATORE PROPOSTO PER LA NOMINA] 

  • CC … (cognome e nome)  nata a .. il giorno … residente a … via … n. …

ESPONE/ESPONGONO

a) che con contratto preliminare di compravendita registrato a … il giorno … al n. … che si esibisce la sottoscritta signora AA ha promesso di acquistare dagli attuali proprietari, per sé e/o per persona da nominare, l’intera piena proprietà della consistenza immobiliare facente parte del fabbricato sito nel Comune di ,,, via … n. … e, precisamente: appartamento per civile abitazione …. posto al piano … distinto dal numero d’interno … composto da … con pertinenziale garage al piano ,,,, , nell’insieme attualmente individuata nel catasto Fabbricati di detto Comune, con i seguenti dati: …

per il complessivo prezzo di euro … versando alla parte promittente venditrice a titolo di caparra confirmatoria ex art. 1385 cod. civ.  la somma di euro … ;

b) che, con riferimento alla compravendita a stipularsi in esecuzione del predetto preliminare, AA è venuta nella determinazione di nominare, quale acquirente – oltre a sé stessa per l”usufrutto vitalizio – il proprio suindicato figlio, signor BB;

c) che, in tal caso, il saldo del prezzo dovrebbe essere pagato alla parte venditrice

c1) per euro … mediante denaro della sottoscritta AA a ricavarsi dalla vendita dell’appartamento dove essa sottoscritta ed il figlio attualmente vivono, sita in … via … che dovrà perfezionarsi entro il giorno …. in esecuzione del preliminare sottoscritto in data …  che si esibisce

c2) per euro … mediante la somma depositata sul conto corrente n. … in essere presso la banca …  intestato al signor BB;

c3)  per euro … mediante il netto ricavo di un mutuo che essa sottoscritta AA intende stipulare con la banca a garantirsi con ipoteca sull’intera piena proprietà della consistenza ad acquistarsi;

d) che dalla perizia redatta dal geometra … di … giurata dinanzi a codesto notaio come da verbale dallo stesso ricevuto in data … rep … che, per quanto occorra si allega (doc4)  risulta che il prezzo di acquisto dell’intera proprietà appare congruo ed il valore della quota di nuda proprietà da far acquistare al beneficiario di amministrazione di sostegno è superiore al predetto importo che lo stesso dovrebbe impiegare nell’acquisto;

e) che l’impiego nel ripetuto acquisto della suindicata somma di denaro del beneficiario di amministrazione di sostegno è maggiormente proficuo rispetto all’attuale giacenza sul conto corrente che, tra l’altro, comporta l’aumento degli indicatori ISEE socio – sanitario per gli interventi economici socio assistenziali con esclusione per lo stesso BB di ogni agevolazione a lui diversamente spettante nei casi in cui viene richiesto (vd. … retta centro educativo);

f) che, dunque, in considerazione di tutto quanto procede la prefigurata operazione appare utile ed opportuna per BB, che si ritroverà così proprietario di un immobile dove poter vivere e del quale, finché sarà in vita la sottoscritta AA, usufruttuaria, egli non dovrà sostenere spese di gestione;

g) che il beneficiario di amministrazione di sostegno, BB, non assumerà la parte di mutuatario nel suindicato mutuo a stipularsi ma soltanto di terzo datore di ipoteca (non debitore) e che non dovrà sostenere spese per gli atti notarili che saranno pagati dalla sola signora AA, con suo denaro;

h) che, come sopra esposto,

  • al fine di acquistare la nuda proprietà, BB dovrà accettare, ex art 1402 comma 2, cod. civ., la nomina a suo favore da parte dell’amministratrice di sostegno, la quale dovrebbe dunque contrarre con sé stessa, da un lato, in proprio e, dall’altro, quale rappresentante del beneficiario di amministrazione di sostegno;
  • con l’accettazione della nomina, essa amministratrice di sostegno sarebbe parzialmente liberata dal suo debito personale di pagare il prezzo, assunto dalla stessa in proprio sottoscrivendo il preliminare di cui alla lettera a) che precede;
  • il beneficiario di amministrazione di sostegno dovrà concedere ipoteca sulla nuda proprietà della consistenza in oggetto a garanzia del debito che assumerà essa AA,

i) che, dunque, per il compimento dell’operazione ipotizzata, l’amministratrice di sostegno, AA, versa in conflitto di interessi, con il beneficiario di amministrazione, BB, cosicché occorre procedere con la nomina di un curatore speciale che rappresenti il beneficiario di amministrazione di sostegno nell’acquisto e, anche, nel mutuo quale terzo datore di ipoteca, e che si propone nella persona di CC parente in linea zio di BB (fratello del padre di quest’ultimo, DD deceduto in data) ;

j) che CC ha già dichiarato la propria disponibilità ad assumere gratuitamente l’incarico di curatore speciale, e di aver valutato la convenienza dell’operazione per il signor BB;

[OPPURE, EVENTUALMENTE, SE LA RICHIESTA È SOTTOSCRITTA ANCHE DAL CURATORE PROPOSTO PER LA NOMINA] 

j) che CC ha già dichiarato, come dichiara sottoscrivendo la presente richiesta, la propria disponibilità ad assumere gratuitamente l’incarico di curatore speciale, e di aver valutato la convenienza dell’operazione per il signor BB;

k) che la sottoscritta/i sottoscritti non ha/hanno prima d’ora presentato altra richiesta di autorizzazione ad altro notaio ovvero ricorso al competente Giudice Tutelare presso il Tribunale di …

TUTTO CIO’ PREMESSO

la sottoscritta/i sottoscritti, nella/e suindicata/e qualità, ciascuno per quanto di propria spettanza,

CHIEDE/CHIEDONO

che il notaio ………… , incaricato di ricevere o autenticare le sottoscrizioni dei suindicati atti di acquisto (compravendita) e di mutuo ipotecario, letta la presente richiesta, constatata la propria competenza, ravvisata l’evidente utilità per il beneficiario di amministrazione di sostegno, BB,  voglia così provvedere:

-I-

  • nominare il signor CC  quale curatore speciale del predetto beneficiario di amministrazione di sostegno, signor BB, per rappresentarlo negli atti di cui qui di seguito, e quindi
  • autorizzare esso curatore speciale, in rappresentanza per l’appunto del beneficiario di amministrazione di sostegno:
  • ad acquistare la nuda proprietà, gravata da usufrutto vitalizio della madre signora AA, ed insieme a quest’ultima l’intera piena proprietà della consistenza immobiliare sita nel Comune di  meglio descritta alla lettera a) dell’espositiva che precede e nella perizia di cui alla lettera d) delle medesima espositiva che precede, attualmente individuata nel Catasto Fabbricati di detto Comune, al …per il complessivo prezzo di euro …, da riferirsi per euro … alla quota nuda proprietà di spettanza del beneficiario di amministrazione di sostegno;
  • a pagare detto importo di competenza di quest’ultimo utilizzando il suo denaro giacente sul conto corrente, disponendo tramite bonifici a favore dei venditori ovvero mediante assegni circolari all’ordine di essi venditori, non trasferibili da consegnare in sede di stipula del definitivo atto di compravendita alla parte venditrice, il tutto con espresso esonero per la Banca da ogni responsabilità al riguardo; e, dunque, a:
  • costituirsi in esso atto di compravendita e sottoscriverlo, per atto pubblico o scrittura privata autenticata, accettando ex art. 1402 cod. civ. la suindicata nomina a suo favore per l’acquisto della ripetuta nuda proprietà; meglio descrivere i cespiti immobiliari in oggetto con gli esatti dati catastali, quali anche risultanti da eventuali denunce di variazione catastale, ubicazione, confini, consistenza, eventualmente integrando e/o correggendo quelli innanzi riportati;
  • pattuire il prezzo di vendita, nel suindicato importo, pagando ai venditori la predetta parte di spettanza del beneficiario di amministrazione di sostegno e riceverne quietanza; rinunciare a depositare il prezzo e/o altre somme presso il notaio rogante;
  • farsi garantire la buona e piena proprietà della consistenza immobiliare cui trattasi e la libertà della stessa da trascrizioni e/o iscrizioni pregiudizievoli e/o diritti di terzi in genere,  pattuire in merito al possesso con espresso esonero per l’usufruttuaria, per quanto occorra dal far inventario e prestare garanzia;
  • inserire nello stipulando contratto tutte le clausole sia di natura reale sia obbligatoria utili e/o opportune, anche in ordine ad eventuali enti comuni e pertinenziali;
  • sottoscrivere tutti i documenti inerenti la stipula del contratto di compravendita;
  • rendere, ricevere e sottoscrivere, dichiarazioni, anche ai sensi del D.P.R. 445/00, ai dini sostanziali e fiscali, anche in relazione al D.P.R. 131/86, nonché alla legge 151/75 e al D.P.R. 380/01, ed altresì al D.L. n. 223/2006, convertito in L. n. 248/2006 ed alla L. n. 266/2005, nonché al D.L. n. 78/2010, convertito in L. n. 122/2010;
  • richiedere, se del caso, le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa di abitazione, ove ne ricorrano i presupposti;

nonché

-II-

  • autorizzare altresì esso curatore speciale, in rappresentanza per l’appunto del beneficiario di amministrazione di sostegno, contestualmente al predetto atto di compravendita, dopo lo stesso, a costituirsi, per quanto di sua spettanza, quale terzo datore di ipoteca nel contratto di mutuo che la signora AA concluderà con banca … , e precisamente nel contratto di mutuo che verrà concesso fino all’importo massimo, in linea capitale di euro … per la durata e al tasso di interesse, fisso o variabile, che essa mutuataria concorderà con la Banca mutuante e che sarà garantito da iscrizione ipotecaria, per l’importo richiesto dalla Banca stessa, sull’intrea piena proprietà della ripetuta consistenza immobiliare sita nel Comune di , via …   (di spettanza del beneficiario di amministrazione di sostegno per la  nuda proprietà); e dunque
  • a costituirsi nel relativo atto di mutuo ipotecario e sottoscriverlo per atto pubblico o scrittura autenticata, accettando tutti i termini clausole e condizioni richiesti dalla Banca e sottoscrivere ogni atto e/o documento occorrenti per la concessione dell’ipoteca in oggetto;
  • concedere dunque a garanzia della restituzione del capitale mutuato, degli interessi e delle spese  tutte, insieme alla signora AA per l’usufrutto, ipoteca sull’intera proprietà della consistenza innanzi descritta, con tutte le adiacenze, pertinenze, accensioni, eventuali nuove costruzioni, ampliamenti, enti comuni e con tutto quanto sia comunque ritenuto gravabile ai sensi di legge, con facoltà per il curatore di meglio descrivere il cespite con gli esatti dati catastali, quali anche risultanti da eventuali denunce di variazione catastale, ubicazione, confini, consistenza, eventualmente integrando e/o correggendo quelli innanzi riportati e, in relazione all’ipoteca stessa:  autorizzare l’iscrizione dell’ipoteca a richiesta di qualunque interessato, prestando le richieste garanzie; rendere dichiarazioni di qualunque genere, con ampio esonero da ogni responsabilità per i competenti uffici, nonché in ogni caso, accettare clausole e/o condizioni in ordine all’erogazione della somma e/o al suo deposito cauzionale e/o all’assicurazione del cespite concesso in ipoteca, accettare tutti i patti, clausole, condizioni e termini ritenuti utili e/o opportuni e/o richiesti dalla Banca mutuante e/o risultanti dalle Norme Generali in vigore presso la Banca, ancorché di carattere vessatorio; accettare e convenire termini iniziali e finali; accettare ogni pattuizione d’uso e/o opportuna; – accettare e sottoscrivere capitolati; eleggere domicili; rendere dichiarazioni di qualunque genere, con ampio esonero da ogni responsabilità per i competenti uffici;
  • fare, in definitiva, tutto quanto ritenuto utile per il buon fine dell’operazione in oggetto, di guisa che non si possa mai opporre difetto di rappresentanza od imprecisione di poteri.

***

Si allegano i seguenti documenti:

  • fotocopia della carta di identità di AA;
  • fotocopia della carta di identità di BB;
  • decreto di apertura della procedura di amministrazione di sostegno per BB con nomina di AA quale amministratrice di sostegno;
  • fotocopia della carta di identità di CC;
  • fotocopia del preliminare di compravendita di cui alla lettera a) dell’espositiva;
  • ultimo estratto conto intestato a BB di cui alla lettera c1) dell’espositiva;
  • fotocopia del preliminare di compravendita cui alla lettera c2) dell’espositiva;
  • perizia redatta dal geom… cui alla lettera d) dell’espositiva;
  • (eventuale) “bozza” atto di compravendita a stipularsi previa autorizzazione di cui alla presente richiesta;

***

Ai fini delle comunicazioni si indicano i seguenti recapiti:

telefono:

mail:

pec:

…(data)

…(firma)

Continua a leggere →

Speciale Volontaria Giurisdizione: la nomina notarile del curatore speciale e la fedeltà allo spirito della riforma

a cura di Ciro Caccavale e Massimo Caccavale

1. La questione preliminare dell’omogeneità dei compiti, spettanti al giudice e al notaio, in materia di v.g.

La normativa, contenuta nel decreto legislativo 10 ottobre 2022, n. 149 (di attuazione della legge delega 26 novembre 2021, n. 206), che attribuisce al notaio la competenza a rilasciare autorizzazioni per la stipula degli atti pubblici e delle scritture private autenticate dei quali sia parte un soggetto incapace di agire o che abbiano ad oggetto beni ereditari, è entrata in vigore soltanto da qualche  mese[1]. Realizza però un obiettivo che già da tempo veniva promosso da una parte della dottrina, e aveva già ispirato alcuni progetti di riforma elaborati in ambito ministeriale, quale quello di contribuire al decongestionamento della giustizia – sovraccaricata notoriamente da una esorbitante mole di lavoro -, mediante il coinvolgimento, negli affari di volontaria giurisdizione, appunto del notaio.

È questa, invero, una figura professionale esperta della materia e, in virtù della sua legge ordinamentale, deputata ad agire in posizione di terzietà: proprio, dunque, nelle condizioni di serenità, distacco, indipendenza di giudizio e equilibrio che sono richieste nell’esercizio dei compiti rimessi al giudice.

La riforma in esame si preannuncia di grande impatto sul piano operativo, ma suscita molto interesse anche sul piano teorico e per la riconduzione a sistema del nuovo assetto, talché ne è sorto subito   un infervorato dibattito.  Al centro della disputa viene posta la natura stessa della nuova funzione affidata al notaio, discutendosi, in particolare, se questa condivida o no, con la corrispondente funzione del giudice, la medesima natura giurisdizionale.

Continua a leggere →

Speciale Volontaria Giurisdizione: il ruolo del p.m dopo la riforma

Brevi Note a commento del reclamo avverso Autorizzazione emessa dal Notaio Valentina Citarella da Roma

di Fabio Tierno

In estrema sintesi il caso de quo può essere così sintetizzato: il Notaio, previa richiesta delle parti, emette, ai sensi dell’art. 21 del D.Lgs. 149/2022, autorizzazione a vendere un immobile pervenuto a un minore per successione.

Il notaio, come previsto dal comma 4 dell’art. 21, effettua le comunicazioni alla Cancelleria del Tribunale che sarebbe competente a emettere l’omologo provvedimento giurisdizionale e al Pubblico Ministero presso lo stesso Tribunale.

Inopinatamente il Pubblico Ministero propone reclamo avverso il provvedimento emesso dal Notaio, sulla base della considerazione che, a detta del reclamante, il Decreto Legislativo non prevederebbe “espressamente la possibilità che tale professionista possa effettuare congiuntamente la doppia valutazione richiesta dall’art. 747 c.p.c.”.

A  mio avviso il summenzionato reclamo è illegittimo sia per profili procedurali sia nel merito.

Continua a leggere →

Speciale Volontaria Giurisdizione: il Reimpiego

Qualche settimana addietro, il 24 marzo 2023, abbiamo pubblicato la bozza di due richieste di autorizzazione, con i relativi provvedimenti, frutto del lavoro del Gruppo di studio istituito presso il Consiglio Notarile di Milano [1], utili come guida per le prime applicazioni dell’articolo 21 del D. Lgs. 10 otto­bre 2022, n. 149.

Una terza bozza ci era stata inviata, ma abbiamo ritenuto opportuno svolgere qualche riflessione più approfondita riguardo a quanto nella bozza si prevede per il reimpiego.

E’ noto che l’espressione utilizzata dal legislatore al terzo comma dell’art. 21 “il notaio, nell’atto di autorizzazione, determina le cautele necessarie per il reimpiego del medesimo” ha causato qualche imbarazzo agli interpreti. Rinviando, per quanto riguarda il reimpiego nell’amministrazione dei beni ereditari, alle molto convincenti conclusioni contenute nello studio del Consiglio Nazionale del Notariato a firma Ernesto Fabiani – Luisa Piccolo, possiamo qui riportare ciò che nel medesimo pregevole studio viene scritto con riguardo al reimpiego di quanto ricavato dall’alienazione di un bene dell’incapace, tema che qui più specificamente interessa.

Continua a leggere →

Volontaria Giurisdizione: modelli di richiesta e autorizzazione

Nel corso dell’assemblea annuale dello scorso 28 febbraio il Gruppo di studio istituito presso il Consiglio Notarile di Milano[1], con lodevole tempestività ha presentato le bozze di due richieste di autorizzazione[2] e delle relative autorizzazioni notarili ai sensi dell’articolo 21 del D. Lgs. 10 otto­bre 2022, n. 149 , che qui pubblichiamo. Si tratta di una richiesta di autorizzazione all’acquisto da parte di un amministratore di sostegno, e di una richiesta di autorizzazione a vendere un bene ereditario, con i relativi provvedimenti autorizzativi. Pensiamo di fare cosa utile mettendole a disposizione di tutti.

Continua a leggere →

La legittimazione del notaio ad autorizzare un atto con contestuale nomina di curatore speciale

a cura di Giovanni Santarcangelo

Una dei tanti dubbi sorti durante i primi convegni, è se il notaio, nell’autorizzare un atto di straordinaria amministrazione per il quale ricorra conflitto di interessi tra entrambi i genitori e il figlio minore, possa nominare anche il curatore speciale per il compimento dell’atto, oppure se tale nomina sia riservata solo al giudice tutelare.

Normativa

L’art. 320, comma 6, c.c. dispone: «Se sorge conflitto di interessi patrimoniali tra i figli soggetti alla stessa responsabilità genitoriale, o tra essi e i genitori o quello di essi che esercita in via esclusiva la responsabilità genitoriale, il giudice tutelare nomina ai figli un curatore speciale.»

Dottrina

Come rileva la dottrina, quando il conflitto di interessi ricorre tra entrambi i genitori e il minore soggetto alla responsabilità genitoriale, il legislatore, mosso dal timore che i genitori in conflitto possano sacrificare ai propri gli interessi del figlio o siano indotti a curare gli interessi di un figlio a preferenza di quelli degli altri (De Rosa, 233; Stella Richter-Sgroi, 429, nota 114; Santarcangelo, II, 64), blocca in toto l’esercizio della responsabilità genitoriale e, come in ogni altra ipotesi di impedimento temporaneo, richiede la nomina di un curatore speciale, che sostituisce i genitori nel compimento dell’atto (cfr. anche art. 321 c.c.) (Santarcangelo, II, 64). Il conflitto d’interessi che colpisce entrambi i genitori costituisce un’ipotesi tipica d’impedimento giuridico all’esercizio della responsabilità genitoriale da parte di entrambi i genitori (Mazzacane, 148; Santarcangelo, II, 64).

Continua a leggere →

Volontaria Giurisdizione e Notaio: Q&A a margine del Convegno del 2 dicembre 2022

A cura dei relatori Emanuela Motta
e Giovanni Santarcangelo

Il Convegno organizzato il 2 dicembre 2022 dall’Associazione Sindacale Notai della Lombardia – Guido Roveda, primo in Italia ad approfondire le novità in materia di affidamento al notaio di compiti di Volontaria Giurisdizione è stato denso di contenuti. Talmente denso che non si è avuto il tempo di dare risposta ai molti quesiti pervenuti dai colleghi collegati in remoto e che sarebbero stati ancora più numerosi se fosse stato noto l’anticipo di 4 mesi dell’entrata in vigore della riforma, ora previsto per il 28 febbraio.

Rinviando all’indispensabile e-book pubblicato da Federnotizie pubblichiamo ora le risposte che i relatori hanno dato ai quesiti rimasti, per ragioni di tempo, inevasi.

Continua a leggere →

Dal 28 febbraio, in anticipo, parte la nuova volontaria giurisdizione

Il D. Lgs. 10 ottobre 2022, n. 149, quello che, riformando in molti aspetti il processo civile, attribuisce al notaio nuovi compiti in materia di volontaria giurisdizione prevedeva, all’articolo 35, che “Le disposizioni del presente decreto, salvo che non sia diversamente disposto, hanno effetto a decorrere dal 30 giugno 2023 e si applicano ai procedimenti instaurati successivamente a tale data.”

E a tale data si puntava, naturalmente, per farsi trovare pronti e preparati ad affrontare i non pochi problemi pratici che la novità mette sul tavolo.

La Legge di Bilancio 2023 (Legge 29 dicembre 2022 n. 197, pubblicata in pari data in Gazzetta Ufficiale n. 303 – Serie Generale), all’articolo 1 comma 380, con una laconica disposizione, sostituisce l’articolo 35 del D.lgs 149/2022 con il seguente “Le disposizioni del presente decreto, salvo che non sia diversamente disposto, hanno effetto a decorrere dal 28 febbraio 2023 e si applicano ai procedimenti instaurati successivamente a tale data.

Per i notai questa sostituzione di data, per una volta non la proroga di una entrata in vigore ma il suo anticipo, significa semplicemente che il tempo per approfondire tutte le implicazioni della riforma è pochissimo, neppure due mesi.

Dal primo di marzo toccherà a noi rilasciare le autorizzazioni.

Per questo da utile diventa indispensabile l’e-book di Giovanni Santarcangelo che abbiamo pubblicato a dicembre e che può essere acquistato nell’Edicola di Federnotizie.

La faticosa Europa delle procure e di EUdoc (con un cenno sul minore emancipato)

di Ugo Bechini

Due dicembre 2022: il convegno milanese sulle nuove autorizzazioni notarili, sia detto senza sottinteso alcuno, è tempestivo e interessante, i relatori di prim’ordine, ben preparati e si lasciano seguire con piacere, anche in remoto come nel mio caso. Rompe l’incantesimo una domanda temerariamente posta in sala, a mio nome, nientedimeno che da Arrigo Roveda: e i minori italiani che stipulano all’estero? E soprattutto: viceversa? I relatori contengono a stento l’ilarità: si vedrà, sono casi particolari, occupiamoci per ora delle questioni di più immediato interesse. E scivolano via felpati: li attende il problema del minore emancipato.

Non mi accanirò provando a indovinare il rapporto numerico, nelle nostre sale d’attesa, tra le coppie internazionali con figli e gli emancipati; temo anzi che andrò in pensione senza averne incontrato uno. Incombe un problema più serio: la quasi completa assenza, nella nostra vita culturale, di una genuina integrazione della prospettiva internazionale, riservata invece a pochi momenti specializzati e di non travolgente frequentazione. La medesima sede milanese ne ha peraltro ospitato uno eccellente, poche settimane prima, ma per il resto hic sunt leones, da Mentone in là.

Continua a leggere →

Riforma della Volontaria Giurisdizione: Prima Lettura

a cura di Fabio Tierno, notaio in Messina
direttore della Scuola di Notariato “Salvatore Pugliatti”

Da notizie giornalistiche abbiamo appreso che il Governo, nell’ambito della riforma della Giustizia Civile, ed in esecuzione di Legge Delega, ha approvato il Decreto Legislativo contenente nuove norme in materia di Volontaria Giurisdizione.

Il testo, non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, diffuso in questi giorni, impone alcune prime brevi considerazioni, rimandando ulteriori approfondimenti all’entrata in vigore delle nuove norme.

La riforma si articola su due direttrici: da un lato si rimodellano le competenze giurisdizionali in materia di Volontaria rendendo il Giudice Tutelare il dominus della materia, esautorando di competenze il Tribunale in composizione collegiale, dall’altro alla competenza del magistrato si affianca il nuovo ruolo affidato al Notaio.

Continua a leggere →