Preparare gli aspiranti notai alla professione, non soltanto al Concorso. Le riflessioni (2019) di Paolo Guida

In occasione del Congresso Nazionale di Torino, riprendiamo, a qualche anno di distanza, un articolo di Paolo Guida, pubblicato da Federnotizie nel 2019, che contiene non invecchiate idee utili per il dibattito sulla riforma dell’accesso alla professione.

Continua a leggere →

Speciale Congresso di Torino: le proposte dell’Associazione Sindacale Notai della Lombardia

Alimentiamo il dibattito che precede il Congresso di Torino riproponendo il documento presentato lo scorso novembre a Roma dall’Associazione Sindacale Notai della Lombardia e che contiene, per punti, una serie di proposte di riforma del Concorso Notarile.


Brevi proposte per una Riforma del Concorso Notarile

Prova scritta

  • Svolgimento delle prove scritte con modalità informatiche (come previsto, tra l’altro, dalla recente riforma del concorso in magistratura).
  • Integrazione della traccia di diritto civile e di diritto commerciale con bozze di visure catastali, ipotecarie e camerali da consegnare ai candidati.
    Esempi: “Tizio intende vendere l’immobile censito al Catasto Fabbricati come risulta dalla visura catastale consegnata…; l’immobile è gravato dalle formalità risultanti dalla visura ipotecaria consegnata”.
    “La società “Alfa S.r.l.”, a mezzo del legale rappresentante quale risultante dalla visura camerale consegnata, intende vendere…”
    “L’assemblea della società “Alfa S.r.l.” intende deliberare un aumento di capitale sociale; legittimati a partecipare all’assemblea sono i soggetti risultanti dalla visura camerale consegnata”.
  • Inserimento obbligatorio di tematiche connesse alle imposte indirette relative alla soluzione scelta;
  • Eliminazione parte teorica.
  • Svolgimento di solo due prove scritte estratte a sorte tra civile, commerciale e mortis causa.

Continua a leggere →

Speciale Congresso di Torino: per una riforma dell’accesso le idee di Angiola Giordani

Ha preso finalmente il volo il dibattitto preliminare al Congresso nazionale che si svolgerà a Torino il 17 e il 18 di maggio. Su invito di Giancarlo Laurini, cui certo non sfuggiva la crucialità del tema, ha iniziato Giuseppe Ramondelli, forte della sua esperienza di commissario sul numero 5/2023 di Notariato. Sulla stessa rivista  (1/2024) hanno fatto seguito gli interventi di Arrigo Roveda e di Ugo Bechini, in sostanziale coincidenza di idee. E siamo in attesa di ricevere, sempre da Notariato, un fascicolo speciale interamente dedicato al tema e al Congresso. I tempi della stampa rischiano però di comprimere il dibattito ed è per questo che mettiamo a disposizione, di tutti e senza filtri, il nostro spazio online anche oltre la nostra abitudinale cadenza bisettimanale. Gli articoli avranno lo stesso titolo e si differenzieranno solo per l’autore. Ci aspettiamo una polifonia di interventi che rappresenti le idee dei colleghi più esperti, di chi ha responsabilità di insegnamento, di chi è fresco di vittoria (o di sconfitta) e di chi aspetta con ansia un esito. Non solo concorso, ma anche pratica, tirocinio e ogni altro momento significativo del percorso di accesso. E un grazie ad Angiola Giordani per aver rotto il ghiaccio.


a cura di Angiola Giordani

Ho riletto con grande interesse l’articolo di Arrigo Roveda sul Concorso e vorrei esprimere alcune riflessioni sull’argomento.

La pratica notarile

Concordo che la pratica notarile deve essere effettiva. Ma cosa vuol dire effettiva? 18 mesi di “lavoro” nello studio notarile come si fosse un dipendente (retribuito o non retribuito)?

No, io credo che il praticante debba imparare a svolgere anche il lavoro che svolgono normalmente i collaboratori di studio, ma sempre con la consapevolezza di andare oltre, di imparare appunto a fare il Notaio, il che vuol dire tutti i giorni, in ogni momento, saper decidere, saper effettuare delle scelte per risolvere i problemi giuridici che gli verranno sottoposti.

Continua a leggere →

Per un concorso a immagine della realtà

Mettiamo a disposizione dei nostri lettori un articolo di Arrigo Roveda, pubblicato sul numero 1/2024 di Notariato. Lo scritto, opera del suo autore e non della redazione, vuole essere un contributo al dibattito, promosso dalla rivista diretta da Giancarlo Laurini, che precede il prossimo Congresso Nazionale dedicato al tema dell’accesso.


Le prove concorsuali si distaccano sempre più da quello che accade nella quotidianità degli studi notarili. Se si vuole recuperare l’effettività della pratica e avere vincitori di concorso capaci di fare, da subito, i notai è necessario che le prove di concorso siano modellate su quanto realmente accade negli studi.

Sul numero 5/2023 di Notariato Giuseppe Ramondelli ha dato il via all’indispensabile dibattito che dovrà precedere il Congresso Nazionale primaverile che sarà dedicato al grande malato del notariato, l’accesso.

Appare infatti evidente come la sequenza pratica-concorso sia divenuta del tutto inefficiente a selezionare candidati capaci di approcciare la professione con strumenti adatti a evitarne le insidie, a garantire tempi di accesso che consentano di mettere a repertorio il primo atto ad un’età paragonabile a quella di inizio di altre professioni, a ridurre i costi di formazione che oggi escludono dalla competizione tutti coloro che non abbiano alle spalle una famiglia abbiente.

Il drastico calo delle vocazioni notarili altro non è che il termometro di una malattia che necessita di cure drastiche e urgenti.

Cercare innocenti e colpevoli di questa situazione può sembrare un esercizio semplicistico ma aiuta a capire quale possa essere la cura.

Continua a leggere →

Concorso Notarile: Riflessioni e Proposte

Non richiesto dal direttore intervengo sul tema dell’accesso e, più nello specifico, del concorso per raccogliere alcuni stimoli contenuti nei precedenti interventi di Paolo Guida, Raffaele Viggiani e Michele Labriola, ma anche nei “Ricordi di un commissario di concorso” del Prof Gianluca Sicchiero.

E proprio da questo ultimo osservatorio che mi sembra necessario partire.

Il prof. Gianluca Sicchiero, commissario di concorso, ha notato nei candidati “una generale assenza di spirito pratico; mi chiedo quanti di loro abbiano mai messo piede in uno studio notarile”.

Continua a leggere →

Accesso al notariato: la posizione dei praticanti notai

Riceviamo e pubblichiamo una lettera dell’avvocato Andrea Fiorelli Bertoli, presidente dell’Apan (Associazione praticanti ed aspiranti notai) in risposta ad un precedente articolo dell’Avv. Prof Gianluca Sicchiero (il quale, contattato dalla redazione, ha comunicato di non voler replicare ulteriormente).


a cura dell’avvocato Andrea Fiorelli Bertoli
residente Apan – Associazione praticanti e aspiranti notai

L’ APAN – Associazione praticanti e aspiranti notai – ringrazia la redazione di Federnotizie, sempre presente e neutrale nei dibattiti interni al notariato, per la possibilità di pubblicare una replica allo scritto, rinvenuto su un blog di uno studio legale, intitolato “Notai: ricordi di un commissario di concorso” a cura dell’Avv. Prof. Gianluca Sicchiero e contestualmente di esprimere alcune considerazioni sulla riforma per accedere alla professione notarile.

Continua a leggere →

Prepariamoci al Congresso: accesso al notariato

Il dibattito sull’accesso prosegue senza soste: dopo le riflessioni dei notai Paolo Guida, Raffaele Viggiani e Michele Labriola, la lettera di un candidato e l’articolo di un commissario di concorso, pubblichiamo le riflessioni e le proposte del presidente di Federnotai Giovanni Liotta con l’auspicio che la discussione continui e arrivi anche nelle prossime sedute del Consiglio Nazionale del Notariato.


Il tema dell’accesso al notariato è complesso e scivoloso. Complesso poiché abbraccia numerosi sotto temi quali: la pratica, le modalità di formazione dei praticanti e, quindi, le scuole; il concorso con i profili relativi alle materie su cui testare la preparazione degli aspiranti notai nonché il numero e il tipo di prove; i commissari e la loro individuazione, formazione e motivazione; le regole di funzionamento dei lavori della commissione; il tirocinio successivo al superamento delle prove.

Scivoloso poiché coinvolge soggetti e interessi che possono entrare in conflitto: il Ministero che mira a contenere i tempi, i costi e le impugnative sul concorso; i notai e il notariato che prediligono una selezione non frettolosa per non abbassare la qualità della categoria, ma anche per proteggere gli interessi pure economici dei notai in esercizio; i praticanti che hanno diritto a tempi certi, costi accessibili e oggettività di giudizio.

Continua a leggere →

Accesso alla professione: riflessioni di un commissario di concorso

Continua il dibattito in tema di accesso alla professione notarile con la pubblicazione di un articolo del Prof. Gianluca Sicchiero, componente della commissione di concorso per notaio indetto con dd 2 ottobre 2017.


di Gianluca Sicchiero
avvocato e professore di Diritto Privato
Università Cà Foscari, Venezia

In un breve racconto pubblicato su um mio blog, che ha avuto un notevole riscontro nel mondo del notariato, ho ricostruito l’avventura del concorso notarile visto dalla parte dei commissari (vedi al riguardo altro precedente articolo di un commissario).

Continua a leggere →

L’accesso al notariato: dalle esperienze alle proposte

La lettera del “concorsista” ha riacceso nuovamente la discussione, scatenando le più varie reazioni. A tal riguardo riproponiamo, su sollecitazione dell’autore, un contributo realizzato e diffuso (con il numero di Federnotizie Settembre 2011) in occasione del Congresso di Federnotai del 20/21 maggio 2011 dedicato all’accesso, ma sempre molto attuale.


NUMERO DI REP. NUMERO DI RACC.
REPUBBLICA ITALIANA
(o quel che ne resta)
L’anno duemilaundici, in
ROMA

L’accesso al notariato dalle esperienze alle proposte

Continua a leggere →

Lettera di un “concorsista” in tema di “Accesso al Notariato”

Il dibattito sull’accesso si arricchisce: dopo le riflessioni dei notai Paolo Guida, Raffaele Viggiani e Michele Labriola, riceviamo una lettera indirizzata al direttore dall’avv. Valerio Bianchini il quale ha partecipato a più concorsi. Ovviamente abbiamo deciso di pubblicarla con l’auspicio che la discussione continui e arrivi anche nelle prossime sedute del Consiglio Nazionale del Notariato.


Incipit

Egregio Notaio,
mi chiamo Valerio Bianchini, sono un avvocato e un “concorsista” che spera al più presto di diventare suo collega.

Sono al terzo concorso, seconda consegna (al concorso del 2018 sono uno dei pochi fermati alla seconda busta) e mi spacco la schiena sui libri, spendo i miei soldi (parecchi) per le scuole private, due all’anno per diventare sempre più competitivo e continuo a credere nella professione notarile e nel buon esito di questo percorso.

Continua a leggere →

Accesso, formazione e scuole del notariato

Prosegue il dibattito virtuale sul tema dell’Accesso al notariato (concorso, pratica, scuole di notariato). Dopo le riflessioni di Paolo Guida e Raffaele Viggiani, pubblichiamo l’articolo di Michele Labriola. Seguirà il contributo di Giovanni Liotta, presidente di Federnotai.


Articolo a cura di Michele Labriola
Consigliere Nazionale del Notariato

L’argomento sul quale viene richiesto un contributo di riflessione è di ampia portata, in quanto comporta un esame dell’intero percorso formativo dello studente che a partire dal raggiungimento della laurea arriva a sostenere il concorso notarile.

Continua a leggere →

Brevi riflessioni in tema di concorso notarile

Prosegue il dibattito virtuale sul tema dell’Accesso al notariato (concorso, pratica, scuole di notariato). Dopo le riflessioni di Paolo Guida, pubblichiamo il contributo di Raffaele Viggiani. Seguirà l’articolo di Michele Labriola.


Articolo a cura di Raffaele Viggiani

1. Introduzione

Era il 9 aprile, durante la settimana del Salone del Mobile, quando in pausa pranzo ho ricevuto una telefonata di Domenico Chiofalo – che ringrazio per l’opportunità concessami – il quale mi ha chiesto di scrivere qualche riflessione relativamente al nostro concorso.

Solo pochi giorni prima, esattamente il 4 aprile, si era svolta, presso il Ministero della Giustizia, la seconda riunione del tavolo tecnico per la riforma della professione notarile.

Continua a leggere →