Attività riqualificatoria e imposta di registro

Legge di stabilità 2018: freno all’attività riqualificatoria in tema di interpretazione degli atti ai fini del calcolo dell’imposta di registro.

L’art. 13 della c.d. Legge di Stabilità 2018, nel testo approvato dal Senato, dispone una modifica dell’art. 20 del DPR 26 aprile 1986, n. 131 (TUR), rubricato ‘Interpretazione degli atti’, volta a dirimere alcuni dubbi interpretativi sorti in merito alla portata applicativa di tale articolo e, in particolare, al trattamento fiscale di talune operazioni, con specifico riferimento al calcolo dell’imposta di registro che il notaio rogante un atto soggetto a registrazione liquida al proprio cliente in qualità di sostituto d’imposta.

Continua a leggere →