Srl on line e Atto a distanza: trasparenza, comunicazione e partecipazione

Nel bilancio preventivo del Cnn si fa riferimento ad un piano di comunicazione esterno e ad un rafforzamento della comunicazione interna, ma ancora non si sa quali iniziative concrete si intenda intraprendere.

Nell’attesa che ci vengano comunicate proviamo a fare qualche riflessione su una questione specifica: srl on line e atto a distanza.

Al Congresso abbiamo ascoltato vari interventi autorevoli della magistratura e della politica sull’importanza del ruolo del notaio; abbiamo ascoltato il presidente Giuliani sulla determinazione del Cnn a preservarne il ruolo rispettando la direttiva europea; abbiamo ascoltato la voce della base.

Ma qual è lo stato dell’arte?

Sappiamo (leggendo gli odg) che in Cnn se ne discute da qualche riunione (da ultimo in quelle del 21 e 22 novembre) e che esistono già testi di proposte e studi di più commissioni e che si sono anche già fatte alcune sperimentazioni sulle modalità applicative dell’atto a distanza.

Quali sono le soluzioni sul tavolo? A che punto è il confronto su questi temi?

La base può (o deve) essere coinvolta in questo dibattito?

Noi crediamo che su temi così decisivi per il futuro della categoria si debbano cominciare a sperimentare la trasparenza, la comunicazione e la partecipazione.

Certamente la categoria è compatta nella scelta di voler mantenere un ruolo di controllo e di adeguamento in ambito societario, ma si tratta di possibili cambiamenti epocali della struttura e dell’organizzazione territoriale che non possono essere calati dall’alto (e siamo fiduciosi che non sarà così).

Ci troviamo di fronte a scelte politiche che disegnano il futuro della professione, incidendo sulle concrete modalità di esercizio della stessa e sul campo della concorrenza tra notai.

Noi sappiamo che oggi, per esempio, solo pochi notai (circa il 3%) stipulano atti informatici (basta confrontare i numeri con la Francia); se non si vuole lasciare indietro la quasi totalità della categoria (ed in primis i giovani) bisogna informarla, formarla, coinvolgerla anche attraverso incontri (istituzionali e sindacali) sul territorio per discutere e confrontarsi. Il rischio concreto è che vadano avanti solo pochi notai già ben organizzati.

Chiediamo quindi al Consiglio Nazionale (ed in particolare all’ufficio di Presidenza e al Responsabile della Comunicazione) di avviare un processo di coinvolgimento della categoria che potrebbe anche concludersi con un incontro aperto a tutti i notai (come già in passato è stato fatto): noi mettiamo a disposizione, come sempre (e come di recente abbiamo fatto sul tema dell’accesso), lo spazio di questo giornale per ospitare le diverse opinioni e proposte che emergeranno; il dibattito e il confronto aiutano a ragionare e a decidere in modo consapevole, ben sapendo ovviamente che la scelta politica finale spetterà al Cnn.


Vuoi ricevere una notifica ogni volta che Federnotizie pubblica un nuovo articolo?

Iscrivendomi, accetto la Privacy Policy di Federnotizie.

Attenzione: ti verrà inviata una e-mail di controllo per confermare la tua iscrizione. Verifica la posta in arrivo (e la cartella Spam) e conferma la tua iscrizione, grazie!