Proroga della rideterminazione del valore di acquisto dei terreni e delle partecipazioni – 2019

La Legge di Bilancio per il 2019, nel testo modificato dal senato, prevede all’art. 1 commi 622 e 623 (che riprendono e variano la formulazione dell’art. 81 del corrispondente disegno di legge) la proroga della possibilità per le persone fisiche e per le società semplici di rideterminare i valori di terreni edificabili ed agricoli e di partecipazioni in società non quotate ai fini della determinazione di plusvalenze e minusvalenze ai fini dell’art. 81, co. 1, lettere a) e b) del D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.).

I termini di cui al decreto legge n. 282 del 2002 (di riapertura di quelli originariamente previsti dagli articoli 5 e 7 della legge n. 448 del 2001) vengono pertanto variati come segue:

  • terreni e partecipazioni devono essere posseduti al giorno 1 gennaio 2019;
  • la perizia di stima ai fini della rivalutazione deve essere redatta entro il 30 giugno 2019;
  • l’imposta sostitutiva può essere rateizzata in massimo tre rate annuali, a decorrere dal 30 giugno 2019, tutte di pari importo.

Il valore delle aliquote per la determinazione dell’imposta sostitutiva viene previsto, per effetto delle modifiche apportate dal Senato, all’11% per le partecipazioni qualificate al giorno 1 gennaio 2019 ed al 10% per le partecipazioni non qualificate e per i terreni agricoli ed edificabili.

Nel 2019, pertanto, non ci sarà più un’aliquota unica (che era stata fissata per l’anno in corso all’8%) per il calcolo dell’imposta sostitutiva, ma due distinte aliquote corrispondenti alle percentuali incrementate di cui sopra.


Vuoi ricevere una notifica ogni volta che Federnotizie pubblica un nuovo articolo?

Iscrivendomi, accetto la Privacy Policy di Federnotizie.

Attenzione: ti verrà inviata una e-mail di controllo per confermare la tua iscrizione. Verifica la posta in arrivo (e la cartella Spam) e conferma la tua iscrizione, grazie!