Riforma del sistema elettorale: spunti per un dibattito

a cura di Francesco Felis

E’ un tema che agita da sempre contrapposizioni.

Il mio contributo vuole essere un apporto alla eventuale discussione, ma aperto, senza pregiudizi.

Tralascio (ma sarà evidentemente sullo sfondo) il quesito se un sistema elettorale diverso (che è in generale un mezzo per tradurre i voti in seggi) cioè neutro, possa avere come fine una migliore governabilità dell’organo che si va ad eleggere o una migliore rappresentazione (magari fotografica) del corpo elettorale. Continua a leggere

L’art. 2929 bis c.c.: una nuova tutela per il ceto creditorio

L’art. 12, D.L. 27 giugno 2015, n. 83 convertito con legge 6 agosto 2015, n. 132, ha introdotto nel nostro ordinamento, con effetto dal 27 giugno 2015, una nuova norma per la disciplina dell’esecuzione forzata di beni oggetto di atti costitutivi di vincoli di indisponibilità o di atti di alienazione a titolo gratuito, aggiungendo, dopo l’art. 2929 del codice civile, un nuovo art. 2929bis che così dispone:

“Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità o di alienazione, che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorchè non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l’atto è stato trascritto. La disposizione di cui al presente comma si applica anche al creditore anteriore che, entro un anno dalla trascrizione dell’atto pregiudizievole, interviene nell’esecuzione da altri promossa. Continua a leggere

Cedibilità e pignorabilità delle quote di società di persone alla luce dell’art. 2252 C.C.

La cessione di quota nelle società di persone costituisce modifica soggettiva dei patti sociali e come tale ricade pertanto nella previsione dell’articolo 2252 C.C. che richiede il consenso unanime dei soci, salva diversa pattuizione inserita nel contratto sociale.
Due recenti risposte a quesiti (CNN Notizie – Quesito d’Impresa n. 445.2014/I e n. 107-2015/I entrambi a firma Daniela Boggiali – Antonio Ruotolo) hanno evidenziato alcune conseguenze del principio sopra esposto.

Continua a leggere

Agevolazione “prima casa”: il riacquisto a titolo gratuito scongiura la decadenza

Il riacquisto a titolo gratuito di un immobile da adibire a propria abitazione principale entro un anno dall’avvenuta rivendita infra quinquennale della precedente “prima casa”, consente di scongiurare la decadenza dall’agevolazione di cui alla nota II bis  Parte Prima della Tariffa allegata al D.P.R. 131/86. Continua a leggere

Comitati di confine: breve storia del Comitato Franco Italiano

a cura di Rosaria Bono

C’era una volta il futuro – breve storia del Comitato Franco Italiano dei Notariati Ligure e Provenzale

C’era una volta, tanto tanto tempo fa …

Genova 3 luglio 1976,

3 anni prima dell’elezione del Parlamento Europeo,

17 anni prima della costituzione del CNUE,

39 anni prima della Loi Macron e del DDL Concorrenza,

nel periodo di massimo splendore sociale  ed economico della professione notarile, quando nessuno osa mettere in dubbio l’importanza della funzione e le competenze dei notai, le uniche preoccupazioni sono studiare il diritto civile ed organizzare un ufficio funzionale,  mentre ci si possono godere viaggi ed auto di lusso senza complessi e sensi di colpa e si incoraggiano i figli più volenterosi a seguire le proprie orme con fiducia nel futuro, Continua a leggere

Comitati di confine: Comitato lombardo-ticinese

L’intervista di Federica Croce

Dal rosa al nero, le sfumature della professione notarile tra Italia e Svizzera

Tra i notai della regione Lombardia (rappresentati dal Comitato Regionale Notarile Lombardo) e i notai iscritti all’Ordine dei Notai del Cantone Ticino è costituito ormai da vent’anni il “Comitato dei notariati Lombardo e Ticinese”.

Il Comitato si propone principalmente di promuovere le relazioni, la collaborazione culturale e lo scambio di informazioni tecnico-giuridiche tra i due Notariati, oltre che di approfondire lo studio comparato dei due ordinamenti.

Federica Croce ha intervistato due colleghi, un lombardo e un ticinese, con esperienza similare, ponendo a entrambi le stesse domande. Emergono visioni diverse della professione, qualche proposta concreta nell’ottica della crescita e del miglioramento, ma soprattutto colori diversi con cui viene dipinto il presente e il futuro della professione. Continua a leggere