Notaio e Blockchain: innovazione tecnologica e certezze

Congresso Nazionale del Notariato 2017

di Lodovica de Stefano, Antonio Reschigna e Michele Laffranchi

La seconda giornata del 52° Congresso Nazionale del Notariato di Palermo, si apre con una tavola rotonda focalizzata sulle nuove tecnologie. Modera la discussione Maurizio Melis di Radio 24, il quale sottolinea che la transazione di contante o mezzi equivalenti tramite banca (soggetto intermediario fino ad ora ritenuto insostituibile) rischia di essere superata da una nuova tecnologia, la Blockchain, che consiste in un database condiviso e controllabile tra i soggetti che ne fanno uso e non posseduto da un terzo intermediario: «i dati sono di tutti o di nessuno».

La Blockchain, come ben espresso in precedente articolo di Federnotizie, a cura di Dario Restuccia, consiste in un certo numero di “nodi” (o blocchi) che devono essere confermati da soggetti autorizzati al fine di acquisire l’operazione. Non è necessario che ci sia fiducia tra i soggetti della transazione né che la fiducia sia garantita da un soggetto intermediario terzo, in quanto la stessa è garantita dal sistema in sé. Continua a leggere

Il notariato è un sistema che ha bisogno di nuovi strumenti

Speciale Congresso Nazionale del Notariato 2017 - Federnotizie

Il titolo di questo Congresso Nazionale mi piace molto: perché mette al centro dell’attenzione il tema della digitalizzazione, che non attiene alle emergenze del recente passato; perché esprime una presa di coscienza rispetto alla sfida che questo tema ci chiama ad affrontare; e perché al tempo stesso esprime un proposito ambizioso e la cui realizzazione non è affatto scontata: continuare a svolgere – arricchendone il contenuto con l’acquisizione e la messa a frutto di nuove competenze – un ruolo di garanzia di sistema.

Ci sono altre sfide difficili che potremo vincere solo realizzando propositi altrettanto ambiziosi. Continua a leggere

Registri pubblici digitali: le nuove proposte del Notariato

Congresso Nazionale del Notariato 2017

di Andrea Sala, Francesco Santopietro e Antonio Teti 

La seconda tavola rotonda della mattinata, nel secondo giorno del 52° Congresso Nazionale del Notariato di Palermo, ha come titolo “Registri pubblici digitali: le nuove proposte del Notariato”.

Il primo intervento è di Maurizio Ferraris, Ordinario di Filosofia teoretica presso l’Università di Torino. Riprende il concetto della necessità dell’intermediazione. Fa presente che la società da sempre si basa su documenti. Il documento è l’esito del passaggio dall’oggetto fisico al mondo sociale. Nel senso che, per esempio, il bene “casa”, oggetto fisico, tramite un documento diventa “di proprietà”, oggetto sociale. La realtà sociale, però, deve essere documentata. Ferraris evidenzia come oggi tutti abbiano uno smartphone e producano documenti multimediali. Negli ultimi venti anni, infatti, il telefono ha cessato di essere solo telefono ed è moltissime cose, anche una banca, in America anche un passaporto. C’è una produzione infinita e multimediale di documenti. Continua a leggere