Indegnità a succedere e sospensione dalla successione – nuovo art. 463bis del Codice Civile

La legge n. 4 del 11 gennaio 2018 in materia di tutela nei confronti degli orfani per crimini domestici interviene su varie norme dei Codici Civile, Penale e di Procedura Penale. Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1 febbraio 2018 entrerà in vigore dal 16 febbraio 2018 p.v.

Una delle previsioni di maggiore interesse notarile in essa contenuta è quella dell’art. 5 che introduce il nuovo articolo 463-bis del Codice Civile rubricato “Sospensione dalla successione” in materia di indegnità a succedere.

Tale norma prevede che chi risulti essere indagato per l’omicidio volontario o il tentato omicidio del coniuge/unito civile, di un genitore o di un fratello/sorella, venga sospeso dalla successione della vittima fino al decreto di archiviazione o alla sentenza definitiva di proscioglimento. Ricadendo in questa situazione di sospensione la legge 4/2018 prevede che si debba provvedere a nominare un curatore dell’eredità giacente ai sensi dell’articolo 528 C.C.

Qualora il soggetto “sospeso” sia condannato, o intervenga un patteggiamento della pena, questi verrà definitivamente escluso dalla successione ex art. 463 cc, e quindi per indegnità a succedere.

A fonte della ulteriore previsione dell’introduzione nel Codice di Procedura Penale del nuovo art. 537-bis, in questi casi il giudice penale, in sede di condanna per uno dei fatti previsti dall’articolo 463 del Codice Civile o in sede di patteggiamento della pena ex art. 444 CPP, pronuncerà l’esclusione del soggetto dalla successione per indegnità.

La norma viene quindi a mutare la prospettiva in questi specifici casi di indegnità. Finora, infatti, l’indegno non veniva escluso dalla successione al quale risultava chiamato se non su richiesta espressa di parte ed a seguito di apposita sentenza (si ricordi il noto brocardo: “indignus potest capere, sed non potest retinere”).

Non è peraltro chiaro come possa esservi conoscibilità della sospensione dalla successione, né come possa operare l’opponibilità di tale sospensione nei confronti dei soggetti terzi. La norma si limita infatti a prevede che il pubblico ministero, compatibilmente con la segretezza delle indagini, dovrà comunicare senza ritardo alla cancelleria del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione l’avvenuta iscrizione nel registro delle notizie di reato, ai fini della sospensione di cui all’art. 463bis.


Vuoi ricevere una notifica ogni volta che Federnotizie pubblica un nuovo articolo?

Iscrivendomi, accetto la Privacy Policy di Federnotizie.

Attenzione: ti verrà inviata una e-mail di controllo per confermare la tua iscrizione. Verifica la posta in arrivo (e la cartella Spam) e conferma la tua iscrizione, grazie!