El mè Testament

La finestra sul cortile

Si presenta con in mano questo foglio. Arrabbiato con quel padre sempre così fuori dal comune. Fino all’ultimo atto.

Ho letto il foglio che mi mostrava, l’ho riletto. L’ho guardato negli occhi e gli ho detto: “Suo padre non poteva fare cosa più bella. Ha trasformato il diritto in poesia”.

El mè Testament

Intant che la testa

l’è amno serena

vori scrivv on

quei coss per l’ultima scena!

Che i mè rest, ciccia e oss

quand sarann ben fregg

vegnen no miss

dent in d’on foss

Se ghè on quei coss

del mè corp che se poeu

doprà, ghe se le daga

a on quei v’on de restaurà.

Quel ch’el resta

el sia ben rosti

fina a inscenerì

la polver che restarà

no la vegna missa

dent a ‘na cà

Ma sbattuta de chì e de là

in mezza a l’aria

tra na sponda e l’altra

dent in de l’Adda.

lassi quel zicch

de teren in quel

del lag. Maggior

de mì e de la Silvana

ai nevodin Sara e Chiara

in quant a la cà

indove stoo

gh’ha de dormig

fin l’ultim dii

el mè segond amor.

Poeu i fioeu s’el divideran

inscì penzi, fi atenzion

de minga fav dagn,

fav tribulà, per el dii che

‘ndarò foeura de cà.

Se vanzì on quei coss

del mè bolgiott,

se v’el porten minga via

in funerai e tass,

dè on quei coss in beneficenza

el ve farà ben a la coscenza!

Dess ve saludi

speri iscì de vess pront

per ves rostì.

Voster nono, papà, marì.

El mè Testament ultima modifica: 2022-06-03T08:30:39+02:00 da Redazione Federnotizie
Vuoi ricevere una notifica ogni volta che Federnotizie pubblica un nuovo articolo?
Iscrivendomi, accetto la Privacy Policy di Federnotizie.
Attenzione: ti verrà inviata una e-mail di controllo per confermare la tua iscrizione. Verifica la tua Inbox (o la cartella Spam), grazie!


AUTORE