Nanismo, bulesumme e intelligenza artificiale

Approfitto senza ritegno dell’ormai ultraventennale ospitalità di Federnotizie per concedermi due bordi nel divertente bulesumme (*) che ha fatto seguito all’impiego da parte di Antonio Teti del termine nanismo. Il motore di ricerca della Rivista propone in verità un’altra occorrenza del 2019, ma è solo uno scherzo dell’informatica: lì la parola era onanismo, impiegata da Antonio di Lizia (e da chi, altrimenti?).

Dichiaro senza diplomazia alcuna la mia posizione. Penso che le evoluzioni sociali e tecnologiche possano in effetti travolgere il notariato, ma sono ancor più convinto che la categoria possegga tutti gli atout per essere parte attiva del processo e cavalcare la tigre senza finire sbranata. Purché di parte attiva si tratti, per l’appunto.

Credo che pochi tra noi si dichiarerebbero in disaccordo, teoricamente, ma quando si viene al dunque, la musica cambia. Da anni faccio collezione di arrabbiature nelle riunioni notarili europee, quando constato la totale assenza di interesse di molte delegazioni a una reale cooperazione transfrontaliera. Che ognuno riceva i suoi atti; che i tedeschi non pensino di stipulare tra connazionali in Costa Brava (c’è un mercato…), e che i polacchi non provino neppure a domandare l’intavolazione di un legato in Germania. Intendiamoci: nessuno pensa che un notaio sloveno possa operare in autonomia sul mercato italiano; occorre una specifica competenza sulla normativa locale. Si parla, piuttosto, di un agire coordinato di notai appartenenti a tutte le giurisdizione interessate. Continua a leggere

Nanismo, bulesumme e intelligenza artificiale ultima modifica: 2022-01-14T08:30:42+01:00 da Redazione Federnotizie

Un anno di Federnotizie

Buon anno a tutti dalla redazione di Federnotizie. Come ogni anno questo è tempo di bilanci e di propositi. Cominciamo dai primi.

Abbiamo pubblicato, con una pausa ad agosto, ogni mercoledì e ogni venerdì alle 8.30 cercando di creare un’abitudine alla lettura.

Fuori dalla cadenza bisettimanale, abbiamo informato sulle novità urgenti per la categoria.

Per un totale di 123 articoli.

Da quando, nel 2015, abbiamo scommesso sull’online abbiamo conseguito questi numeri.

Resoconto Generale Numeri Federnotizie 2021

Dall’inizio di questa avventura le pagine visualizzate sono aumentate di quasi 8 volte e i visitatori oltre 11 volte. Il che, per una rivista che ha un target ben identificato e poco elastico, è un dato di grande soddisfazione.

Continua a leggere

Un anno di Federnotizie ultima modifica: 2022-01-01T08:30:56+01:00 da Redazione Federnotizie

L’ultima ispezione

The last one, l’ultima, l’ultima ispezione. Già: la mia pensione arriverà esattamente il 22 aprile 2022 (almeno spero) e quindi oggi l’ispezione 2018/2019 è praticamente l’ultima.

Appuntamento all’Archivio alle 13,30, parto dal mio ufficio e attraverso a piedi tutto il centro di Torino, la giornata tiepida e soleggiata è più simile a una ottobrata romana che a una novembrata torinese, ma il sole non basta a dissipare l’aria melanconica che ha la città semideserta, negozi chiusi temporaneamente o definitivamente, radi passanti, solo i riders sfrecciano di qua e di là, c’è un’aria di smobilitazione che in questo momento mi è del tutto congeniale, anche io sto quasi per smobilitare e l’ultima ispezione sembra segnare il tempo. Arriverò a ricordare con un pizzico di nostalgia anche le ispezioni? L’ansia delle prime volte?

di Grazia Prevete

Continua a leggere

L’ultima ispezione ultima modifica: 2021-12-29T08:30:16+01:00 da Redazione Federnotizie

La riforma del Catasto e la semplificazione delle imposte sugli immobili: un’opportunità da non perdere

Puntuale come una cambiale, il tema della riforma del Catasto è tornato nell’agenda della politica e ha occupato uno spazio senza precedenti nel dibattito sui media.

Esperti e presunti tali intervengono sul punto ma fino a oggi manca una posizione ufficiale, almeno pubblicamente, di una delle istituzioni che ben conosce il tema: il Notariato.

Il ruolo attivo dei notai – unitamente ad altri professionisti – nell’aggiornamento e miglioramento degli archivi catastali è innegabile. Con il Modello Unico Informatico per la registrazione, trascrizione e voltura degli atti notarili e l’Art. 29 comma 1 bis della Legge n. 52/1985 sulla conformità catastale quale elemento di validità degli atti notarili si è contribuito ad aggiornare in modo decisivo la banca dati del Catasto. A ciò si aggiunga il sistema del prezzo-valore, il sistema di tassazione degli atti di trasferimento oneroso soggetti a imposta di registro sulla base del valore catastale indipendentemente dal prezzo convenuto e dichiarato in atto: proposto da Federnotai e introdotto con la Legge n. 266/2005 è divenuto lo strumento principale per la trasparenza del mercato immobiliare e l’implementazione dei dati dell’OMI.

A cura di Giovanni Liotta e Arrigo Roveda

Continua a leggere

La riforma del Catasto e la semplificazione delle imposte sugli immobili: un’opportunità da non perdere ultima modifica: 2021-12-15T08:30:45+01:00 da Giovanni Liotta

Il procedimento disciplinare con gli occhi di un presidente Co.Re.Di.

Riprendiamo (e ci torneremo) il discorso sul procedimento disciplinare notarile per alimentare un dibattito teso a correggere qualche imperfezione di un impianto che ha dimostrato di reggere a questi primi anni di applicazione.

Lo facciamo pubblicando l’intervento del Presidente Luigi De Ruggiero al Congresso Federnotai dello scorso 24 settembre.

Il procedimento disciplinare con gli occhi di un presidente Co.Re.Di.

Mi è capitato di presiedere per sette anni la COREDI Lombardia e ho quindi conosciuto i notai più discoli (non necessariamente i peggiori): poteva capitarmi anche una qualche forma di rigetto verso il mondo del notariato. Invece ne è nato un feeling, nel senso che tengo ormai anche emotivamente al prestigio e al decoro della classe notarile esattamente come voi: se farò qualche osservazione critica è perché credo che il ruolo del Presidente di COREDI, ancor più che di fornire qualche competenza in tema di procedura e di tecnica di redazione delle decisioni (documenti che i notai non sono abituati a scrivere), sia quello di apportare un punto di vista esterno contro le sempre insidiose tentazioni di gestione domestica. Continua a leggere

Il procedimento disciplinare con gli occhi di un presidente Co.Re.Di. ultima modifica: 2021-11-26T08:30:20+01:00 da Luigi De Ruggiero

Salary partner: la lettera di un giovane notaio

IncipitEgregi,
quando più di otto anni fa ero seduto alla scrivania del mio dominus di allora, ero un giovane laureando con tanti dubbi sul futuro – come tutti del resto.
Ricordo come fosse ieri le prime frasi di incoraggiamento ricevute, che riporto, testualmente.

“Se vuoi fare il notaio devi imparare a inca**arti; quando sarai notaio tutti vorranno pugnalarti alle spalle”.

Al primo obiettivo sto ancora lavorando, per l’indole zen di una persona che vive fra i cavalli.

Diversamente per il secondo punto.
Continua a leggere

Salary partner: la lettera di un giovane notaio ultima modifica: 2021-11-09T08:30:47+01:00 da Redazione Federnotizie

Appunti per una riforma del procedimento disciplinare (anche in vista del Congresso Nazionale)

Nessuna nostalgia si prova per il tempo in cui si dibatteva se i congressi notarili dovessero essere delle vetrine aperte all’esterno per far conoscere e mettere in mostra la “buona merce” del notariato o non invece delle occasioni di confronto e dibattito interno alla categoria.

L’importanza di ambedue le funzioni non è oggi messa in discussione e, come al solito, il congresso di Federnotai dello scorso 24 settembre è stata l’occasione per lanciare proposte di riforma.

Il tema del congresso “Per un nuovo modello deontologico e disciplinare tra pubblica funzione e concorrenza” è stato oggetto di approfondimento in una tavola rotonda che ha impegnato l’intera mattinata.

Di spada e di fioretto.

Forti le proposte emerse dal dibattito per una riforma del procedimento disciplinare molto più prudenti quelle sul codice deontologico.

Da qui la necessità di qualche riflessione.

Accostare come spesso si fa deontologia e disciplinare non è metodologicamente corretto.

Il disciplinare serve a regolare il procedimento teso ad accertare la violazione, da parte del notaio, di ogni violazione di legge. Anche, anzi soprattutto, quelle che non si concretizzano in violazioni del codice deontologico ma in diretta violazione di norme di grado primario. Continua a leggere

Appunti per una riforma del procedimento disciplinare (anche in vista del Congresso Nazionale) ultima modifica: 2021-10-29T08:30:49+02:00 da Arrigo Roveda

Congresso Federnotai 2021

Appunti di Maria Rosaria Lenti e Beatrice Ratti su una tavola (quasi) rotonda per un nuovo modello deontologico e disciplinare.

Nell’ambito del Congresso Federnotai 2021 si è svolta una tavola rotonda sulle prospettive di riforma del sistema disciplinare moderata da Giuseppe Mattera, Vicepresidente di Federnotai.

Di questo dibattito riteniamo utile lasciare una sintetica traccia.

Introducendo i lavori Mattera ha ricordato come nel 2007 sia stato sostituito il sistema disciplinare, pur in assenza di una riforma radicale.

Sono ancora troppe le sanzioni formali, mentre sarebbe opportuno attribuire una maggiore rilevanza alla condotta. Ciò anche sulla base del rilievo da parte della Corte dei Conti in relazione all’attività degli Archivi e al riscontro di una drastica riduzione della violazione di cui all’art. 28 della legge notarile (da 1.400 casi a poche decine).

Viene evidenziato come alcune norme formali siano anacronistiche. Per esempio, la nullità per effetto della mancanza dell’indicazione del Comune nell’atto non ha più senso in relazione alla competenza regionale.

La Riforma della deontologia deve tenere presente, tuttavia, che “sono cambiate le foglie ma devono essere mantenute le radici”. Per una buona riforma non si può prescindere dall’affidabilità della categoria e dalla tutela degli interessi pubblici e privati. Continua a leggere

Congresso Federnotai 2021 ultima modifica: 2021-10-01T08:40:05+02:00 da Maria Rosaria Lenti

Congresso Federnotai 2021: il discorso conclusivo del Presidente Giovanni Liotta

Guarda l’intervento finale del presidente in carica di Federnotai, Giovanni Liotta, al Congresso Nazionale 2021. Nella sintesi dei lavori tenuti a Roma, il 23 settembre 2021, il presidente Liotta ha riepilogato brevemente i nodi relativi alla professione notarile – alcuni già sciolti, altri in corso di risoluzione – affrontati dalla federazione in questi ultimi anni di attività associativa, a tutela dei cittadini e del ruolo di garanzia dei notai italiani.

 

 

Congresso Federnotai 2021: il discorso conclusivo del Presidente Giovanni Liotta ultima modifica: 2021-09-27T08:30:23+02:00 da Giovanni Liotta

Per un sistema di pagamenti del Notariato: vivere o morire

Pubblichiamo questo articolo di Eugenio Stucchi che, nell’idea originaria, doveva essere inserito nella “Tribuna Aperta”, cioè in quella rubrica che ospita contributi  di contenuto politico e di provenienza esterna alla redazione e che, non necessariamente, esprimono un pensiero condiviso. Ci teniamo a sottolineare invece la totale condivisione delle idee qui espresse da Eugenio Stucchi e la assoluta convergenza nel ritenere il tema sia fondamentale che urgente. Una vera e propria priorità sul tavolo di chi governa il Notariato.


Per un sistema di pagamenti del Notariato: vivere o morire

di Eugenio Stucchi

Il rapporto tra notaio e pagamenti non è mai stato costante. Si è evoluto nel tempo passando dalla sostanziale indifferenza e anzi imbarazzante simulazione diffusa degli importi (e questo giornale ha il merito di aver sempre sollevato e denunciato la pericolosità della prassi allora in corso), passando per l’emersione dei reali corrispettivi con la normativa “prezzo-valore”, arrivando alla documentazione puntuale delle modalità di pagamento negli atti immobiliari e spesso per “aderenza” anche se non richiesto in molti atti affini, aggiungendo quindi oggi i noti e sempre più pervasivi controlli anti riciclaggio e da ultimo arrivando a fornire, addirittura, garanzia sostanziale di buon fine delle operazioni con l’utilizzo facoltativo del conto dedicato.

Se si guarda indietro ai corrispettivi simulati di solo qualche decina di anni fa, al “prezzo pagato prima d’ora”, falso e senza altre precisazioni, con tutte le pericolose conseguenze civilistiche da tale prassi discendenti, pare incredibile la strada fatta, quasi senza accorgersene, passo dopo passo. Continua a leggere

Per un sistema di pagamenti del Notariato: vivere o morire ultima modifica: 2021-09-10T08:30:08+02:00 da Redazione Federnotizie

I consigli della redazione per un’estate di buone letture

Vi abbiamo accompagnato in questo scorcio bipolare di anno, tra le preoccupazioni della pandemia e l’entusiasmo per i vaccini, ogni mercoledì e ogni venerdì (con qualche incursione straordinaria) cercando di fare del nostro meglio per tenervi aggiornati e informati sulle “cose” del Notariato.

Adesso è il tempo di prenderci una pausa.

Prima per il rush lavorativo finale e poi per riposarci.

Per accompagnarvi anche durante questa estate la redazione ha voluto fare una selezione di letture consigliate. Che ogni consiglio è poi un modo di raccontare parte di noi.

Buona estate e arrivederci a settembre.


Basta un caffè per essere feliciBasta un caffè per essere felici

Autore: Toshikazu Kawaguchi
Editore: Garzanti

Ambientato in una caffetteria di Tokio, con un’atmosfera che ricorda i film d’animazione di Miyazaki, un luogo magico, dove chi lo desidera può tornare nel passato, o viaggiare nel futuro, ma solo per il tempo in cui il caffè nella propria tazzina è caldo. Un tempo breve in cui rincontrare persone amate. Un tempo in cui non è consentito cambiare il corso degli eventi, ma che permette ai protagonisti di affrontare i propri conflitti interiori, imparando a considerare la vita da una prospettiva differente e ad essere felici di ciò che la vita stessa comunque ha dato, offre e ancora riserverà.

Consigliato da: Annalisa Annoni
Continua a leggere

I consigli della redazione per un’estate di buone letture ultima modifica: 2021-08-06T08:30:20+02:00 da Redazione Federnotizie

Cassa: aprire al contributivo. Lettere di Angelo Finelli e Ciro de Vivo

La tanto discussa e criticata pubblicazione della Lettera al giovane notaio di Luciano Guarnieri aveva il prevalente scopo di aprire la discussione sul metodo di contribuzione alla Cassa e sul tema della rappresentanza territoriale. Obiettivo raggiunto, come dimostrano le lettere che qui pubblichiamo. Naturalmente saremo lieti di ospitare contributi di diversa opinione.

Arrigo Roveda


IncipitCaro Direttore,

io ho molto apprezzato la tua decisione di pubblicare l’articolo di Luciano Guarnieri.

Temo solo che il dibattito sui toni finisca per mettere in secondo piano la sostanza della questione, e cioè che il sistema previdenziale del notariato, così come è congegnato, determina delle inaccettabili sperequazioni che si aggraverebbero, fino al totale collasso, in caso di consistente aumento del numero dei notai.

Continua a leggere

Cassa: aprire al contributivo. Lettere di Angelo Finelli e Ciro de Vivo ultima modifica: 2021-07-28T08:30:30+02:00 da Redazione Federnotizie

A margine della lettera di Luciano Guarnieri

Sono in molti coloro che non hanno gradito i toni della “lettera” di Luciano Guarnieri inserita nella rubrica Tribuna Aperta, rubrica che ospita contributi spontaneamente inviati alla redazione e che la redazione ben volentieri ospita per tenere aperto il dibattito sui temi della politica notarile.

Non necessariamente quindi i contributi ospitati nella rubrica “Tribuna Aperta” rispecchiano il pensiero della redazione. Anzi.

Nel presentare il contributo di Luciano, vecchio redattore di questa rivista avevamo allarmato i lettori che i toni, che non facciamo nostri, avrebbero urtato qualche suscettibilità, invitando a non usare l’offesa come strumento per non discutere sul merito.

Merito sul quale, la posizione di Luciano Guarnieri coincide con quella della redazione.

Tra le lettere ricevute dai “malcontenti” ne abbiamo selezionate tre, particolarmente rilevanti perché arrivano da colleghi cui ci lega particolare stima e amicizia, che censurano la nostra scelta. Continua a leggere

A margine della lettera di Luciano Guarnieri ultima modifica: 2021-07-09T08:30:59+02:00 da Redazione Federnotizie