Uso esclusivo e perpetuo: maneggiare con cautela

Commento a Trib. Rimini 17 luglio 2014, n. 930/2014

Il caso.

Con atto notarile la signora Tizia ha venduto ai signori Caio e Sempronia una «porzione di fabbricato urbano, sito in Comune di Rimini fraz. Miramare (…) già locato all’acquirente e precisamente: un negozio con antibagno e WC posto al piano terreno (…); con l’uso esclusivo e perpetuo della porzione di area antistante il vano ad uso negozio, per una larghezza pari al fronte dello stesso e per una profondità delimitata da Viale Oliveti. Detta area è coperta da una veranda che risulta individuata nella suddetta planimetria di variazione sopra allegata».

Alessandro Torroni

Continua a leggere

Uso esclusivo e perpetuo: maneggiare con cautela ultima modifica: 2017-10-31T06:25:11+00:00 da Redazione Federnotizie

Prime considerazioni sul Codice del Terzo Settore

Con la legge 6 giugno 2016 n.106 è stata conferita al governo una delega per riformare il Terzo settore, l’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile militare.

La riforma del terzo settore si attendeva da anni perché l’intero ambito è regolato da ventisette articoli del codice civile (artt. dal 14 al 32 e dal 35 al 42, essendo stati abrogati gli artt. 33 e 34) e da una notevole quantità di leggi statali in prevalenza dettate con finalità fiscali.

Ricordiamo tra le altre la legge n. 381/1991 inerente la disciplina delle cooperative sociali, la legge 383/2000 inerente la disciplina delle associazioni di promozione sociale, la legge 266/1991 legge quadro sul volontariato, ed il decreto Legislativo n. 460/1997 portante il riordino della disciplina degli enti non commerciali e delle ONLUS. Continua a leggere

Prime considerazioni sul Codice del Terzo Settore ultima modifica: 2017-10-23T08:09:20+00:00 da Maria Nives Iannaccone

Conto dedicato e deposito prezzo: l’altra faccia della medaglia

Annotazioni a margine degli articoli “Piangersi addosso: lo sport preferito dai notai” di Arrigo Roveda e “Deposito prezzo: un’opportunità da non perdere” di Matteo Mattioni”, pubblicati su queste pagine nei giorni scorsi.

A parte la provocazione ironica del titolo dell’articolo di Arrigo Roveda, alla quale ho già risposto con ugual senso dell’umorismo sulla copertina del numero di ottobre di Notarnews [dato che, detto per inciso, come aveva a suo tempo efficacemente sentenziato Paolo Setti, la base notarile è costituita prevalentemente da persone “mai cuntent”, alle quali fanno da contrappeso, dico io, i notai delle istituzioni che sono, o appaiono, sempre cuntent!] a me sembra che entrambi gli articoli abbiano la pretesa di attribuire a queste nuove norme una valenza simbolica, che io è molti altri colleghi non riusciamo a intravedere. Continua a leggere

Conto dedicato e deposito prezzo: l’altra faccia della medaglia ultima modifica: 2017-10-18T06:20:36+00:00 da Raffaele Trabace

Deposito prezzo: un’opportunità da non perdere

Nel generale scoramento provocato dalla nuova disciplina sul conto dedicato introdotta dalla l. 124/2017, davvero poca attenzione è stata dedicata all’istituto del deposito prezzo. Forse perché, da obbligatorio che era nel testo originario della l. 147/2013, è stato derubricato a meccanismo meramente facoltativo, destinato a operare solo “se … richiesto da almeno una delle parti e conformemente all’incarico espressamente conferito” (così il nuovo comma 63, lett. c, l. 147/2013). Continua a leggere

Deposito prezzo: un’opportunità da non perdere ultima modifica: 2017-10-10T07:07:40+00:00 da Matteo Mattioni

Società sportive dilettantistiche: appunti e clausole

Introdotte per la prima volta nel 2002, le società sportiva dilettantistiche (che per brevità indicheremo anche con la sigla SSD nel prosieguo) costituiscono ancora un istituto giuridico con il quale il professionista si confronta, mediamente, di rado.

di Ettore Sarluca

La norma di riferimento è costituita dall’articolo 90 della L. 27 dicembre 2002 n. 289, il quale, al primo comma, ha previsto che le previgenti disposizioni in materia di associazioni sportive dilettantistiche si applichino anche alle società sportive dilettantistiche, introducendo nel sistema una nuova tipologia di società di capitali, caratterizzate dall’assenza di scopo di lucro, e spingendo, come è stato osservato, verso un “sistema speciale che vede nelle società degli schemi organizzativi funzionalmente neutri, idonei, cioè, al perseguimento di attività tanto lucrative, quanto non lucrative”[1].

Lo stesso articolo ha poi introdotto una serie di agevolazioni tributarie che, ai sensi dell’art. 7 del DL 136 del 28/05/2004, convertito con L. 186 del 27/07/2004, si applicano alle società sportive dilettantistiche che sono in possesso del riconoscimento a fini sportivi rilasciato dal CONI. Continua a leggere

Società sportive dilettantistiche: appunti e clausole ultima modifica: 2017-09-26T08:58:48+00:00 da Redazione Federnotizie

Vincolo di prezzo massimo di cessione e convenzioni ex art. 35 L. 865/1971 con diritto di proprietà stipulate entro il 31.12.1996

Sommario: 1. Introduzione. 2. Le Convenzioni con oggetto la piena proprietà: sintesi della evoluzione legislativa. 3. Ambito di applicazione dei commi 49-bis e 49-ter dell’art. 31 L. n. 448/1998 alle convenzioni con diritto di proprietà stipulate fino al 31.12.1996. 4. Disamina della sentenza della Cass. SS.UU. n. 18135/2015. 5. Conclusioni

di  Roberto Ferrazza

  1. Introduzione

L’ oggetto della presente analisi verte sulle Convenzioni di edilizia residenziale pubblica1 aventi ad oggetto il diritto di proprietà (ossia quelle convenzioni stipulate ai sensi dell’art. 35, comma 13, della Legge 22 ottobre 1971 n. 865, per l’attuazione dei piani di edilizia economico e popolare, di cui alla Legge n. 167/1962), stipulate antecedentemente alla data del primo gennaio 1997 e precisamente:

– le Convenzioni stipulate nella vigenza dei commi 15-19 dell’art. 35 della Legge n. 865/1971 (periodo 31.10.1971-15.03.1992), abrogati dalla Legge n. 179/1992 (cd. Ferrarini-Botta). Sinteticamente: periodo 1971-1992.

– le Convenzioni stipulate successivamente all’entrata in vigore della Legge n. 179/1992 e fino all’entrata in vigore della Legge n. 662/1996 (periodo 15.03.1992 – 31.12.1996). Sinteticamente: periodo 1992-1996. Continua a leggere

Vincolo di prezzo massimo di cessione e convenzioni ex art. 35 L. 865/1971 con diritto di proprietà stipulate entro il 31.12.1996 ultima modifica: 2017-09-18T06:06:04+00:00 da Redazione Federnotizie

Copie autentiche certificate dagli avvocati (e ausiliari del giudice): brevi note

Gli interventi normativi sul processo telematico e tra questi, principalmente, il D.L. 179/2012, modificato dal D.L. n. 90/2014 e dalla L. n. 132/2015, hanno ampliato il novero dei soggetti autorizzati ad autenticare documenti (analogici ed informatici) attribuendo anche agli avvocati, oltre che agli ausiliari del giudice, uno specifico potere di autenticare le copie degli atti giudiziari se estratti dal fascicolo informatico ove sono contenuti, che in precedenza risultava facoltà attribuita in via esclusiva all’attività delle cancellerie.

Ne consegue che anche i notai, spesso deputati a documentare in sede negoziale – mediante allegazione formale ai propri atti – provvedimenti emessi in sede processuale, si sono trovati a dover fare i conti con l’innovazione introdotta, dovendo previamente accertare quali copie siano certificabili conformi dagli avvocati (ed ausiliari del giudice) e quali siano le condizioni affinché queste possano essere legalmente equiparate all’originale.

di Ruben Israel

Continua a leggere

Copie autentiche certificate dagli avvocati (e ausiliari del giudice): brevi note ultima modifica: 2017-09-05T07:45:15+00:00 da Redazione Federnotizie

Cened Lombardia – Copia conforme di attestato di prestazione energetica con firma digitale scaduta

Si ripercorre l’iter evolutivo delle disposizioni della Regione Lombardia in materia di attestato di prestazione energetica, per quanto attiene agli obblighi di allegazione agli atti di trasferimento a titolo oneroso di fabbricati o di porzioni di fabbricato, con particolare riferimento alle problematiche connesse agli attestati con firma digitale, non associata a marcatura temporale, la cui validità sia scaduta al momento del rilascio della copia conforme. Continua a leggere

Cened Lombardia – Copia conforme di attestato di prestazione energetica con firma digitale scaduta ultima modifica: 2017-07-17T08:14:53+00:00 da Raffaele Trabace