Conformità catastale e postazioni per telecomunicazioni

Addendum all’articolo “Conformità catastale” dopo il D.L. 50/2017 (pubblicato su Federnotizie il 30 novembre 2017).

L’art. 86, comma 3, del Codice delle comunicazioni elettroniche di cui al decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, come modificato dall’articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 15 febbraio 2016, n. 33, così dispone:

“Gli elementi di reti di comunicazione elettronica ad alta velocità e le altre infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione, di cui agli articoli 87 e 88, nonché le opere di infrastrutturazione per la realizzazione delle reti di comunicazione elettronica ad alta velocità in fibra ottica in grado di fornire servizi di accesso a banda ultralarga, effettuate anche all’interno di edifici, da chiunque posseduti, non costituiscono unità immobiliari ai sensi dell’articolo 2 del decreto del Ministro delle finanze 2 gennaio 1998, n. 28, e non rilevano ai fini della determinazione della rendita catastale.” Continua a leggere

Conformità catastale e postazioni per telecomunicazioni ultima modifica: 2017-12-04T09:38:37+00:00 da Daniela Riva

“Conformità catastale” dopo il D.L. 50/2017

Sommario:

  1. Normativa di riferimento e sua “ratio”
  2. Conformità catastale oggettiva: presupposti e casistica
  3. Contenuto della dichiarazione di conformità: posizioni divergenti
  4. Nullità
  5. Uno sguardo alle pronunce CO.RE.DI.
  6. Confermabilità degli atti nulli
  7. Falsità della dichiarazione di conformità: responsabilità anche penale?
  8. Conformità catastale soggettiva: nozione di intestatario e ruolo del Notaio
  9. Dispensa del Notaio dall’obbligo delle visure: è ancora possibile?

Continua a leggere

“Conformità catastale” dopo il D.L. 50/2017 ultima modifica: 2017-11-30T07:55:46+00:00 da Daniela Riva

Revirement del giudice di merito: è legittima la rinunzia all’azione di restituzione

Per la seconda volta, un Tribunale si pronuncia sul controverso tema della rinunzia all’azione di restituzione verso i terzi aventi causa dal donatario, vivente il donante.

In piena condivisione alle motivazioni di cui al decreto n. 2298 del Tribunale di Torino del 26 settembre 2014, il Tribunale di Pescara con decreto del 25 maggio 2017 n. 250 ha così statuito: Continua a leggere

Revirement del giudice di merito: è legittima la rinunzia all’azione di restituzione ultima modifica: 2017-11-06T07:00:31+00:00 da Daniela Riva

Livelli: brevi note

Sommario:

      1. Cenni storici – nozione – fondamento

  1. Assimilazione del livello all’enfiteusi – normativa applicabile
  2. Estinzione ”ope legis” (Legge 222/1985 – ieri anche Legge 16/1974)
  3. Affrancazione giudiziale ed extragiudiziale dei livelli
  4. Usucapione
  5. Figure affini: gli usi civici
  6. Presenza di livello nell’ambito di procedura di esproprio e di esecuzione forzata
  7. Conclusioni

Continua a leggere

Livelli: brevi note ultima modifica: 2017-04-13T07:45:57+00:00 da Daniela Riva

Voluntary Disclosure bis

Con il D.L. 22-10-2016 n. 193 “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili”, pubblicato sulla Gazz. Uff. del 24 ottobre 2016, n. 249 (in vigore dal 24 ottobre 2016), come modificato dalla Legge di Stabilità 2017, nel testo approvato dal Senato (Legge di conversione 1 dicembre 2016 n. 225), si riaprono i termini per la voluntary disclosure, la speciale procedura di collaborazione volontaria che consente ai contribuenti il ripristino della legalità con il Fisco.

Viene fissato, quale termine ultimo per la presentazione dell’istanza di voluntary, quello del 31 luglio 2017. Continua a leggere

Voluntary Disclosure bis ultima modifica: 2016-12-12T06:54:58+00:00 da Daniela Riva

Le società benefit

Sommario:

1. Normativa di riferimento – nozione, caratteristiche e finalità
2. Previsioni statutarie e oneri gestionali
3. Standard di valutazione e verifiche da parte di organismi terzi
4. Sanzioni
5. Regime fiscale
6. Differenze tra società “benefit” e impresa sociale
7. Comparazione dell’istituto italiano con esperienze straniere
8. Conclusioni

 

1. Normativa di riferimento – nozione, caratteristiche e finalità

Il Legislatore con la Legge di Stabilità 2016 (Art. 1 commi da 376 a 382 Legge 28 dicembre 2015 n. 208 – pubblicata nella Gazz. Uff. 30 dicembre 2015, n. 302, S.O.) ha introdotto nell’ordinamento una particolare figura societaria, quella delle “società benefit”, società a scopo di lucro che distribuiscono utili ma perseguono anche finalità di beneficio comune. Continua a leggere

Le società benefit ultima modifica: 2016-04-06T06:31:02+00:00 da Daniela Riva