Utilizzare iStrumentum per atti informatici: la voce della base

Speciale Congresso Nazionale del Notariato 2019 - Federnotizie

Abbiamo chiesto ai colleghi un parere sull’utilizzo di iStrumentum. Questa è la domanda rivolta da Andrea Sala e Antonio Teti di Federnotizie durante il 54° Congresso Nazionale del Notariato di Firenze:

L’atto informatico esiste già. La piattaforma si chiama iStrumentum. La conosci? L’hai mai utilizzata? Se non l’hai mai usata, mi puoi spiegare perché?

Se ancora non conosci iStrumentum e desideri saperne di più, la redazione di Federnotizie ha realizzato alcuni video tutorial per apprendere al meglio come stipulare atti informatici. Guarda la pagina dedicata a iStrumentum.

Utilizzare iStrumentum per atti informatici: la voce della base ultima modifica: 2019-11-09T12:00:18+01:00 da Antonio Teti

Srl online e atti a distanza: la voce della base

Speciale Congresso Nazionale del Notariato 2019 - Federnotizie

Abbiamo chiesto ai colleghi un parere sul tema caldo della Direttiva in materia di Srl online. Questa è la domanda rivolta da Andrea Sala e Antonio Teti di Federnotizie durante il 54° Congresso Nazionale del Notariato di Firenze:

La Direttiva Europea 2019/1151 obbliga i legislatori nazionali a prevedere la costituzione di società “online” entro il termine del primo agosto 2021 (per l’Italia la società a responsabilità limitata ordinaria e semplificata). Il Notariato deve essere della partita e non può rinunciare al proprio ruolo nel societario. Il CNN sarà quindi chiamato a proporre delle soluzioni al legislatore: ritieni che sia opportuno introdurre nel nostro sistema l’atto a distanza per tutti i contratti o pensi che si debba trovare una soluzione ad hoc limitata solo alle Srl?

Srl online e atti a distanza: la voce della base ultima modifica: 2019-11-09T11:00:16+01:00 da Antonio Teti

Accesso e Pratica notarile: la voce della base

Speciale Congresso Nazionale del Notariato 2019 - Federnotizie

Abbiamo chiesto ai colleghi un parere sul tema dell’accesso e della pratica notarile. Questa è la domanda rivolta da Andrea Sala e Antonio Teti di Federnotizie durante il 54° Congresso Nazionale del Notariato di Firenze:

Il “sistema concorso” appare ormai da tempo scollegato rispetto alla quotidianità della professione, sminuendo l’importanza di una pratica effettiva. Andrebbe valorizzata di più? Inoltre i numeri parlano di un calo sempre più vistoso di praticanti e concorsisti. La nostra professione pare sempre meno appetibile. Qualche idea per invertire la tendenza?


Se vuoi approfondite il tema dell’accesso alla pratica notarile, Federnotizie ha raccolto una serie di approfondimenti e di riflessioni in materia in una pagina dedicata. Guarda il nostro Speciale Accesso alla professione.

Accesso e Pratica notarile: la voce della base ultima modifica: 2019-11-08T19:17:04+01:00 da Antonio Teti

Gli interventi d’apertura di Nardone (Cassa) e Giuliani (CNN)

Congresso Nazionale del Notariato 2019 - Firenze

Alla cerimonia inaugurale del LIV Congresso Nazionale del Notariato il Presidente della Cassa Nazionale, Giambattista Nardone, sottolinea come la funzione di garanzia del notariato continui a costituire una risorsa indispensabile per il Paese, come indicato anche nel messaggio inviato oggi dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il Notariato costituisce un’istituzione che, proponendosi quale controllore della legalità, assicura pace sociale e sviluppo economico adeguato, e rappresenta dunque un bene a cui il nostro Paese, caratterizzato da numerosi fenomeni di illegalità, esplicita o diffusa, non può rinunciare. Continua a leggere

Gli interventi d’apertura di Nardone (Cassa) e Giuliani (CNN) ultima modifica: 2019-11-07T20:07:05+01:00 da Antonio Teti

Un Notariato dalle basi solide: parlano Lombardo e Mistretta

Congresso Nazionale del Notariato 2018 - Roma

Nel pomeriggio della seconda giornata del 53° Congresso Nazionale del Notariato tornano a parlare i presidenti del Consiglio Nazionale e della Cassa. Presentano le loro relazioni all’intera categoria. Di seguito i resoconti del loro intervento. Continua a leggere

Un Notariato dalle basi solide: parlano Lombardo e Mistretta ultima modifica: 2018-11-09T17:11:08+01:00 da Antonio Teti

Famiglia e successioni: verso un’abolizione del divieto dei patti successori?

Congresso Nazionale del Notariato 2018 - Roma

Nel corso della mattinata della seconda giornata di Congresso si è tenuto un confronto sul tema della famiglia e delle successioni. Moderato da Franco Amadeo, Consigliere Nazionale del Notariato, ha visto l’intervento del professor Aurelio Gentili, ordinario di Diritto Civile all’Università di Roma Tre e presidente dell’Associazione Civilisti Italiani e del dottor Giuseppe Buffone, Magistrato addetto al Ministero di Giustizia, Dipartimento per gli Affari di Giustizia – Direzione della Giustizia civile, Ufficio I.

Aurelio Gentili – Ordinario di diritto Civile a Roma 3

Il professor Gentili ritiene che il nostro sistema sia maturo per l’abolizione del divieto dei patti successori, essendo tramontate le ragioni che ne avevano giustificato l’introduzione. La breccia era stata aperta con l’introduzione del patto di famiglia e ora spetta al legislatore chiedersi quanto debba essere allargata. Questo può avvenire – aggiunge – ampliando il raggio operativo dell’istituto del patto di famiglia. Come fare? Seguendo due direttrici: la prima, di natura oggettiva, che consenta attraverso il patto di famiglia di disporre anche di beni diversi dall’azienda e dalle quote sociali. La seconda, di natura soggettiva, attraverso un ampliamento (alla famiglia allargata) del novero dei soggetti che possono avvalersi del patto di famiglia. Continua a leggere

Famiglia e successioni: verso un’abolizione del divieto dei patti successori? ultima modifica: 2018-11-09T13:44:51+01:00 da Antonio Teti

Legge di Bilancio 2018 e voluntary disclosure

La legge di Bilancio 2018 contiene la previsione di una nuova voluntary disclosure per le somme detenute all’estero da cittadini italiani (articolo 5-septies Decreto Legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito in Legge 4 dicembre 2017, n. 172).

Le nuove disposizioni si applicano ai soggetti fiscalmente residenti in Italia ovvero i loro eredi, che posseggano, alternativamente, i seguenti requisiti:
• soggetti precedentemente residenti all’estero;
• iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE);
• che abbiano prestato la propria attività lavorativa in via continuativa all’estero in zona di frontiera o in Paesi limitrofi. Continua a leggere

Legge di Bilancio 2018 e voluntary disclosure ultima modifica: 2017-12-19T08:01:05+01:00 da Antonio Teti