Un Notariato dalle basi solide: parlano Lombardo e Mistretta

Congresso Nazionale del Notariato 2018 - Roma

Nel pomeriggio della seconda giornata del 53° Congresso Nazionale del Notariato tornano a parlare i presidenti del Consiglio Nazionale e della Cassa. Presentano le loro relazioni all’intera categoria. Di seguito i resoconti del loro intervento. Continua a leggere

Un Notariato dalle basi solide: parlano Lombardo e Mistretta ultima modifica: 2018-11-09T17:11:08+00:00 da Antonio Teti

Famiglia e successioni: verso un’abolizione del divieto dei patti successori?

Congresso Nazionale del Notariato 2018 - Roma

Nel corso della mattinata della seconda giornata di Congresso si è tenuto un confronto sul tema della famiglia e delle successioni. Moderato da Franco Amadeo, Consigliere Nazionale del Notariato, ha visto l’intervento del professor Aurelio Gentili, ordinario di Diritto Civile all’Università di Roma Tre e presidente dell’Associazione Civilisti Italiani e del dottor Giuseppe Buffone, Magistrato addetto al Ministero di Giustizia, Dipartimento per gli Affari di Giustizia – Direzione della Giustizia civile, Ufficio I.

Aurelio Gentili – Ordinario di diritto Civile a Roma 3

Il professor Gentili ritiene che il nostro sistema sia maturo per l’abolizione del divieto dei patti successori, essendo tramontate le ragioni che ne avevano giustificato l’introduzione. La breccia era stata aperta con l’introduzione del patto di famiglia e ora spetta al legislatore chiedersi quanto debba essere allargata. Questo può avvenire – aggiunge – ampliando il raggio operativo dell’istituto del patto di famiglia. Come fare? Seguendo due direttrici: la prima, di natura oggettiva, che consenta attraverso il patto di famiglia di disporre anche di beni diversi dall’azienda e dalle quote sociali. La seconda, di natura soggettiva, attraverso un ampliamento (alla famiglia allargata) del novero dei soggetti che possono avvalersi del patto di famiglia. Continua a leggere

Famiglia e successioni: verso un’abolizione del divieto dei patti successori? ultima modifica: 2018-11-09T13:44:51+00:00 da Antonio Teti

Legge di Bilancio 2018 e voluntary disclosure

La legge di Bilancio 2018 contiene la previsione di una nuova voluntary disclosure per le somme detenute all’estero da cittadini italiani (articolo 5-septies Decreto Legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito in Legge 4 dicembre 2017, n. 172).

Le nuove disposizioni si applicano ai soggetti fiscalmente residenti in Italia ovvero i loro eredi, che posseggano, alternativamente, i seguenti requisiti:
• soggetti precedentemente residenti all’estero;
• iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE);
• che abbiano prestato la propria attività lavorativa in via continuativa all’estero in zona di frontiera o in Paesi limitrofi. Continua a leggere

Legge di Bilancio 2018 e voluntary disclosure ultima modifica: 2017-12-19T08:01:05+00:00 da Antonio Teti

Il ministro Alfano: “Si riforma ciò che non funziona, il Notariato non va toccato!”

Congresso CNN 2016

Il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, dopo i saluti ai partecipanti al 51° Congresso Nazionale del Notariato, ha esordito sottolineando l’impegno che viene profuso in queste ore dal Governo a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.

Angelino Alfano - Congresso Nazionale del Notariato 2016Il ministro ha espresso grande fiducia nel Notariato. Il riformismo, ha ricordato Alfano, consiste nel toccare le cose che non funzionano. Il Notariato, però, funziona e non deve essere toccato! Il Disegno di Legge Concorrenza non deve modificare dunque gli assetti legislativi che ne regolano l’attività. La certezza che il Notariato apporta ai traffici giuridici, inoltre, è un elemento di competitività nel Paese.

Squarciando il velo dell’ipocrisia, il ministro ha quindi dichiarato che “è l’invidia sociale a muovere molti degli attacchi al Notariato”. I notai, ha proseguito Alfano, “sono concessionari di funzioni delegate dallo Stato: il Governo e il Notariato sono parte dello stesso organismo, lo Stato”. Continua a leggere

Il ministro Alfano: “Si riforma ciò che non funziona, il Notariato non va toccato!” ultima modifica: 2016-10-27T18:54:03+00:00 da Antonio Teti

Il ministro Boschi al Congresso 2016: “Notai presidio di legalità”

Congresso CNN 2016

Il Ministro per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi è intervenuta in apertura al 51 Congresso Nazionale del Notariato. Ha ringraziato la categoria professionale, ricordando la passata edizione del Congresso di Milano e il gesto del notaio Parazzini.

“I notai e i politici condividono l’impegno a favore dello Stato”, ha affermato. ” I notai sono un presidio di legalità per i cittadini: danno certezza e ordine nei rapporti tra cittadini e imprese”.Maria Elena Boschi

Contrariamente a quanto si crede, ha sostenuto il ministro, i notai sono reattivi e si adeguano facilmente alle innovazioni. Ai notai vanno affidate nuove responsabilità e nuovi ruoli. “L’Italia si sta rimettendo in moto e i notai, vicini ai cittadini, lo stanno riconoscendo”.

Sul referendum ha indicato le ragioni del Sì, ricordando come il buon funzionamento delle istituzioni aiuti la crescita del Paese. Ha invitato, infine, ad andare a votare per il futuro dell’Italia perché “c’è in gioco il futuro del Paese”.

Il ministro Boschi al Congresso 2016: “Notai presidio di legalità” ultima modifica: 2016-10-27T16:56:59+00:00 da Antonio Teti