Vendita a scopo di garanzia (di finanziamento alle imprese ex D.L. 59/2016)

L’art. 2 del Decreto Legge in data 3 maggio 2016 n. 59 (in attesa di conversione), entrato in vigore dal 4 maggio 2016, introduce il neo art. 48 bis nel TU 385/93 e prevede un ulteriore vulnus al divieto del patto commissorio, tipicizzando, quale strumento alternativo all’ipoteca, la vendita dal debitore al creditore a scopo di garanzia, sospensivamente condizionata all’inadempimento del primo, il tutto (per quanto attenuato dal meccanismo del c.d. patto marciano) in funzione di una sempre maggiore degiurisdizionalizzazione del procedimento di recupero crediti, bisognoso di accelerare le sue tempistiche.

Perimetro soggettivo della norma:

  • creditore: una banca o altro soggetto autorizzato a concedere finanziamenti nei confronti del pubblico;
  • debitore: un imprenditore;
  • acquirente dell’immobile a scopo di garanzia: può essere oltre che la banca finanziatrice anche una società dalla stessa banca controllata o ad essa collegata ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e autorizzata ad acquistare, detenere, gestire e trasferire diritti reali immobiliari.

Continua a leggere

“Prima casa”: ultimi chiarimenti in tema di prepossidenza e credito d’imposta anticipato

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito, tramite delle risposte a quesiti fornite a Il Sole 24 Ore, che qualora un soggetto possieda già un’abitazione acquistata senza fruire delle agevolazioni fiscali per la “prima casa” nel territorio del Comune in cui si trova il nuovo immobile a destinazione residenziale che intende acquistare, potrà usufruire delle agevolazioni “prima casa” per il nuovo acquisto solamente a condizione di aver già rivenduto il vecchio immobile.

Continua a leggere

Prelazione agraria e conferimento del fondo in società

La terza sezione civile della Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n. 6971 dell’11 aprile 20161, è intervenuta in tema di prelazione agraria prevista, dagli articoli 8 L. 590/65 e 7 della L. 817/71, in caso di trasferimento a titolo oneroso di un fondo a favore dell’affittuario coltivatore diretto ovvero a favore del coltivatore diretto proprietario di terreni confinanti.

Continua a leggere